Vintage car and bike

Vedi Tutte
Vintage car and bike

John Lennon, 50 anni fa la Rolls Royce "Yellow submarine"

John Lennon, 50 anni fa la Rolls Royce "Yellow submarine"

Il 3 giugno del '65 l'artista britannico acquistò una Phantom V limousine che sarebbe entrata nella storia della musica e l'avrebbe seguito anche negli States. Il video.

Sullo stesso argomento

 Francesco Colla

giovedì 6 agosto 2015 11:04

La Rolls Royce Phantom V è un'auto leggendaria, destinata a sovrani e grandi star. Negli anni '60 faceva parte del garage della Regina Elisabetta II, così come di quello dello Shah di Persia, del re di Norvegia e del dittatore yugoslavo Tito. E dal 3 giugno 1965 un esempalre limousine venne consegnata a John Lennon, all'epoca 25enne preso dal turbine della "Beatles mania". John era un grande artista ma anche un pessimo automobilista e raramente guidò la sua splendida Phantom, affidata sempre a un autista. 

La prima uscita pubblica dell'auto avvenne pochi mesi dopo l'acquisto, quando i FabFour si presentarono alla premiere del loro secondo film, Help!, a bordo della limo che all'epoca presentava ancora la carrozzeria originale. Fu infatti il batterista Ringo Starr, nel '67, a consigliargli di far riverniciare l'auto con l'inconfondibile livrea floreale ispirata ai caravan dei gitani e realizzata (per l'iperbolica cifra di 4.200 dollari) da un'artista olandese.Nonostante il modello fosse il non plus ultra del lusso, Lennon fece fare altre modifiche, per l'epoca sensazionali: nell'abitacolo vennero infatti installati frigorifero, televisore, telefono, registratore e finestrini oscurati. Oggi potrebbe sembrare una banalità, ma all'epoca fu la prima auto in Gran Bretagna a circolare con i cristalli "privacy". Non solo: l'eccentrico John fece convertire il divano posteriore in un letto a due piazze

La storia dell'auto prosegue anche negli anni '70, dopo lo scioglimento dei Beatles e il trasferimento negli States assieme alla moglie Yoko Ono: la coppia ospitò spesso sulla Rolls gli amici in tour, dai Rolling Stones a Bob Dylan, ma dopo pochi anni Lennon utilizzò sempre più raramente l'auto, fino a decidere di chiuderla in un garage. La separazione nel '77: per risolvere una pendenza fiscale John e Yoko donarono l'auto allo Smithsonian Institute in cambio di un "bonus" di 250 mila dollari. Nell'85 la Phantom passò di mano e fu venduta all'asta da Sotheby, per l'allora cifra record di 2.3 milioni di dollari (diventando l'auto più costosa della storia) e acquistata da un facltoso collezionista del South Carolina.

 

 

Per Approfondire

Commenti