Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Olimpiadi Invernali

Vedi Tutte
Olimpiadi Invernali

 Pyeongchang2018, Malagò: «É ora di tornare a vincere qualche oro»

 Pyeongchang2018, Malagò: «É ora di tornare a vincere qualche oro»
© ANSA

Il Presidente del Coni ha parlato davanti agli atleti che a febbraio del prossimo anno parteciperanno alle Olimpiadi invernali: «Sarete invidiati»

Sullo stesso argomento

 

giovedì 20 aprile 2017 17:07

ROMA - A meno di 300 giorni dalle olimpiadi invernali di Pyeongchang del 2018 il Presidente del Coni Giovanni Malagò ha parlato davanti alla maggior parte degli atleti azzurri che dal 9 al 25 febbraio del prossimo anno parteciperanno alla manifestazione: "É ora di tornare a vincere qualche oro. Sono convinto che abbiamo una squadra molto competitiva e che faremo meglio di Sochi, dove qualcosa è stata sbagliata ma dove abbiamo accumulato un credito con la fortuna". "Avrete delle divise fatte da Armani di un'eleganza folle, pazzesca, sarete invidiati. Sono convinto che questa sara' un'Olimpiade che passera' alla storia anche per i nostri colori" ha detto ancora il numero uno dello sport italiano al Museion di Bolzano che ha fatto da cornice alla conferenza stampa organizzata per l'occasione dal Coni nel corso della quale il Vice Segretario Generale e Capomissione azzurro, Carlo Mornati, ha presentato progetti e iniziative in vista delle Olimpiadi in Corea

TUTTO SUGLI ALTRI SPORT

UNA VETRINA - "Penso che oggi i Giochi Invernali siano considerati sempre piu' un motivo di attrazione da parte del mondo dei giovani, degli sponsor, delle tv - e per questo ringrazio Discovery che ha investito sul prodotto - perche' hanno saputo interpretare nel modo migliore il processo di cambiamento che poi incide anche sul programma olimpico" ha detto Malago' presentando il nuovo canale olimpico (fino al 2024). "Sono felice di questa giornata a Bolzano, perche' e' un omaggio doveroso a un territorio che da' tanto. Voglio ringraziare Innerhofer, la mia prima medaglia da Presidente del Coni, e chi ha vinto i Giochi in passato e oggi e' presente. Faremo meglio di Sochi, dove qualcosa si e' sbagliato e per il resto c'e' stata molta sfortuna. Mi sento di indirizzare un pensiero a Zoeggeler che e' il candidato in quota atleti al CIO" ha aggiunto il numero uno dello sport italiano che non ha esitato di parlare anche di premi. "Nella prossima Giunta, se saro' ancora Presidente (elezioni l'11 maggio con uno sfidante, ndr), proporro' di portare i premi dei medagliati al livello di quelli percepiti dai colleghi estivi. Tra ottobre e gennaio, compatibilmente con gli impegni, andremo al Quirinale per la cerimonia della consegna del tricolore" ha concluso Malago'. "Siamo partiti da lontano per il 2018, lavorando a lungo con due federazioni che coprono, da sole, 102 eventi olimpici. Flavio Roda e Andrea Gios sono uomini di campo e grazie a loro siamo riusciti a fare bene. Nonostante la sede delle due realta' sia a Milano sono stati bravissimi a decodificare il nostro cambiamento a livello centrale. Il CONI fornisce assistenza, supporto scientifico, sinergie e risorse: le due Federazioni hanno ricevuto contributi per 37,9 milioni dal 2014 al 2017, senza dimenticare 276 mila euro di attivita' finanziate nel 2015-2016 e i circa 2 milioni tra club olimpico e promesse olimpiche: abbiamo coperto quasi 100 atleti, che e' una quota che abbraccia quasi l'intera spedizione ai Giochi, considerando i precedenti" ha spiegato Carlo Mornati che parlando di Casa Italia ha detto che "sara' il posto che mettera' al centro gli atleti, molto accogliente. Da Seul prenderemo un treno per raggiungere i villaggi per motivi di sicurezza. Sono sicuro che andremo bene a PyeongChang ma voglio ricordare un dato che serve a dare un punto di riferimento". L'Italia si conferma all'avanguardia anche come comunicazione, visto che e' gia' attivo il sito pyeongchang2018.coni.it, lanciato nell'occasione: biografie degli atleti, impianti, calendario delle gare e assegnazione delle medaglie. E Casa Italia. Tutto in inglese e italiano. Infine, Peter Fill e Sofia Goggia hanno lanciato il grido di ambizione e speranza dell'Italia Team, chiudendo idealmente la giornata e lanciando il claim "L'incredibile non e' impossibile. Fuoco sul ghiaccio", che sara' lo slogan chiamato ad accompagnare la squadra tricolore verso la 33esina edizione dei Giochi Invernali.

Articoli correlati

Commenti