Olimpiadi

Vedi Tutte
Olimpiadi

Nuoto, Dotto nei 50. Codia e Rivolta speranze nel delfino

Nuoto, Dotto nei 50. Codia e Rivolta speranze nel delfino
© LaPresse

Batterie alle 18: torna in acqua il velocista azzurro. Nei 100 delfino forse l'ultima speranza di vedere gli azzurri al livello dei migliori a parte Pellegrini-Detti-Paltrinieri

 Paolo de Laurentiis

giovedì 11 agosto 2016 13:55

50 stile libero Uomini

11 batterie: Dotto nella nona in corsia 2; Bocchia nell’undicesima in corsia 1

I migliori 16 in semifinale

Torna in acqua Dotto dopo la (deludente) semifinale dei 100 stile libero. Un posto tra i 16 è anche l’obiettivo nella gara più breve. L’altro azzurro impegnato è Bocchia, più indietro nel ranking, a Rio solo e soltanto per questa gara: la prima Olimpiade alla soglia dei 30 anni, se con un po’ di faccia tosta fosse lui a regalarci una sorpresa… E’ l’unico a partire dal blocchetto con i due piedi paralleli, vediamo se funziona.

Così quest’anno

1. Fratus (Bra) 21”37

2. Manaudou (Fra) 21”42

3. McEvoy (Aus) 21”44

14. Dotto 21”91

17. Bocchia 22”06

800 stile libero Donne

4 batterie: De Memme nell seconda in corsia 1

Le migliori otto in finale

Sarà un assolo della Ledecky, l’Italia schiera De Memme senza troppe ambizioni: l’azzurra era a Rio per la 4x200.

Così quest’anno

1. Ledecky 8’06”68

2. Ashwood (Aus) 8’18”14

3. Smith (Usa) 8’20”18

28. De Memme 8’31”79

100 delfino Uomini

6 batterie: Codia nella quarta in corsia 3; Rivolta nella quinta in corsia 2

I migliori 16 in semifinale

Se l’Italia ha una speranza di confrontarsi con i migliori, al di fuori della solita cerchia Detti-Paltrinieri-Pellegrini, è nei 100 delfino. Codia e Rivolta possono andare in semifinale e poi anche in finale. Ma devono fare quello che agli atleti stranieri riesce spesso e a noi quasi mai: migliorare nell’appuntamento più importante della carriera. C’è da fare a spallate con Phelps, Le Clos e compagnia.

Così quest’anno

1. Cseh (Hun) 50”86

2. Phelps (Usa) 51”00

3. Le Clos (Rsa) 51”09

7. Codia 51”42

9. Rivolta 51”54

200 dorso Donne

4 batterie: Panziera nella seconda in corsia 7

Le migliori 16 in semifinale

Il dominio australiano è minacciato da Katinka Hosszu. L’Italia fa presenza con Margherita Panziera, ripescata a giugno sul filo di lana. 

Così quest’anno

1. Hocking (Aus) 2’06”49

2. Seebohm (Aus) 2’06”59

3. Hosszu (Hun) 2’06”88

19. Panziera 2’09”73

Articoli correlati

Commenti