Atletica leggera

Vedi Tutte
Atletica leggera

Doping, il Tas condanna Schwazer a otto anni di squalifica

Doping, il Tas condanna Schwazer a otto anni di squalifica
© ANSA

Accolta la richiesta della Iaaf, mazzata per il marciatore altoatesino. Lui: «Sono distrutto»

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 10 agosto 2016 23:09

RIO DE JANEIRO - Era venuto a Rio convinto di poter marciare la sua Olimpiade, e invece dal Tas arriva una mazzata. Otto anni di squalifica per Alex Schwazer, il pesante verdetto dei giudici del Tribunale arbitrale che non hanno creduto alla difesa matta e disperatissima del marciatore altoatesino: una sentenza arrivata dopo quasi due giorni di camera di consiglio e un dibattimento fiume, e che mette la parola fine alle speranze dell'atleta. Anzi gli infligge un'altra batosta su una carriera già pesantemente funestata dai quasi quattro anni di stop, per la positività all'epo, allora alla vigilia dei Giochi di Londra. Cambia scenario e quadriennio, ma il macigno per Schwazer diventa ancora più pesante: il Tas ha infatti accolto in pieno la richiesta della Iaaf che voleva un bando di otto anni - vista la recidività - per la positività agli steroidi riscontrata a gennaio scorso. Schwazer si era subito professato innocente, dicendo che al contrario di 4 anni fa - quando ammise le sue responsabilità - stavolta non aveva mai fatto ricorso a sostanze proibite. E aveva annunciato battaglia, professando la sua innocenza: si era spinto fino a Rio con il pool di legali e il suo tecnico, Sandro Donati, per tentare il tutto per tutto e dimostrare che in quella positività c'erano troppe anomalie. Due giorni fa Schwazer era comparso davanti al panel, i legali, Donati e poi lo stesso atleta erano stati sentiti a lungo. Schwazer era apparso motivato e convinto di poter gareggiare nella prova di marcia olimpica: "è abituato a vincere le sue gare" avevano detto i legali, senza nascondere però un certo pessimismo. "La sentenza è già stata scritta" si erano lamentati i suoi avvocati. La federazione internazionale non aveva però battuto ciglio, ribadendo la volontà di punire l'atleta alla seconda positività: otto aveva chiesto e otto anni il Tas ha inflitto. Per Schwazer cala il sipario. Da Rio l'addio è amaro.

LA DELUSIONE - «Procederemo con l'esame del Dna e con tutto quello che potremo fare per arrivare alla verità, siamo davvero molto delusi». Questo il commento di uno dei legali di Schwazer, Thiefenbruener.

LE SUE PAROLE - «Sono distrutto». È la prima reazione dell'atleta alla notizia della squalifica. Quando gli è stata comunicata la sentenza, il marciatore - fanno sapere dal suo entourage - ha pronunciato queste parole e poi è rimasto in silenzio per 45 minuti.

Articoli correlati

Commenti