Tennis

Vedi Tutte
Tennis

Road to Cortina: Filippo Volandri

Road to Cortina: Filippo Volandri

Ecco chi sono i protagonisti degli Internazionali di Cortina, il challenger delle Dolomiti Bellunesi in programma l'ultima settimana di luglio, da lunedì 24 a domenica 30. 

Sullo stesso argomento

 

lunedì 10 luglio 2017 11:53

La prima tappa della Road to Cortina viene dedicata a Filippo Volandri, socio onorario del Country club e grande amico di Cortina, dove è ormai di casa, con le sue numerose presenze anche alla Savoia Cup, il tradizionale appuntamento  natalizio del tennis ampezzano, che peraltro ha vinto all’esordio e nel 2015.

“Filo” è sempre stato presente nelle tre edizioni fin qui giocate degli Internazionali. Due belgi, Reuter e Cagnina, hanno bloccato il suo cammino nel 2014 e 2015, mentre  l’anno scorso Volandri ha compiuto l’impresa di eliminare all’esordio la prima teste di serie, l’argentino Carlos Berlocq, prima di cedere di misura (7-5, 6-4) al futuro finalista Laslo Djere.

Il simpatico ragazzo livornese è immatricolato 1981 ed è un agglomerato di talento e savoir faire. Un made in Italy che contiene stile, classe e gentilezza, capace di attirare verso di sé grandi folle adoranti per quel suo rovescio poetico. Gli internazionali di Roma del 2007 lo consegnano alla storia battendo fuori pronostico un allora emergente Tomas Berdych, l’enfant terrible Richard Gasquet e niente meno che la divinità fatta a tennis, Roger Federer. Un ragazzo dai modi gentili e telegenici che continua a giocare e nel mentre lavora per Sky Italia e che ha saputo portare a casa due tornei Atp nobilitati da un bel 25 stampato di fianco al suo best ranking. Il resto è la storia di un uomo di un metro e 83 centimetri di talento, che ha saputo emozionare tutti e che continuerà a farlo, seppure in un’altra veste.

La scheda di Filippo Volandri:
Nato il 5 settembre 1981 (35 anni) a Livorno, 183cm per 73kg. Coach Cristian Brandi.
Tornei vinti:
2006: Palermo (Outdoor/Clay); 2004: St. Poelten (Outdoor/Clay).
Finali:
2012: Sao Paulo (Indoor/Clay); 2006:  Bucharest (Outdoor/Clay), Buenos Aires (Outdoor/Clay); 2005: Palermo (Outdoor/Clay).

 

 

Articoli correlati

Commenti