Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

A2 maschile

Vedi Tutte
A2 maschile

Volley: A2 Maschile, Waldo Kantor sulla panchina di Vibo

Volley: A2 Maschile, Waldo Kantor sulla panchina di Vibo

Il presidente Callipo ha scelto il tecnico argentino che viene da due stagioni trascorse a Ravenna in Superlega

Sullo stesso argomento

 

venerdì 10 giugno 2016 16:38

VIBO VALENTIA-La Volley Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia ha il suo nuovo condottiero! Il nuovo allenatore della compagine giallorossa è Waldo Kantor. Argentino, classe 1960, Kantor ha sposato il progetto della società del presidente Pippo Callipo e, dopo le due stagioni trascorse a Ravenna in Superlega, si appresta alla sua terza stagione consecutiva da head-coach in Italia. Il neo tecnico della Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia è, peraltro, una vecchia conoscenza della pallavolo italiana. Palleggiatore di grande talento, ha mostrato le sue qualità in regia soprattutto negli anni 80’ disputando 350 partite con la nazionale argentina, partecipando alle Olimpiadi di Los Angeles (1984) e Seoul (1988) e ai Mondiali in Argentina (1982), Francia (1986) e Brasile (1990). In Italia, Kantor ha giocato in A2 e A1 a Siena, Jesi, Catania, Modena e Schio. Nel suo curriculum di allenatore ci sono tante esperienze in patria a livello di club e nazionale prima di approdare due stagioni fa a Ravenna. Professore di Educazione Fisica, Kantor ha ricoperto anche importanti ruoli istituzionali essendo stato, dal 1999 al 2003, assessore allo Sport della città di Buenos Aires, capitale dell’Argentina. Queste le prime parole di Waldo Kantor (che attualmente si trova proprio nello stato sud-americano) da neo coach della Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia:

LE PAROLE DI WALDO KANTOR-

Mister, Lei è il nuovo allenatore della Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia. Con quali stimoli e obiettivi affronta questa nuova avventura dopo le due stagioni a Ravenna?

« Lo stimolo e’ sempre quello di dare il massimo, di offrire tutta la mia serietà e professionalità e di fare arrivare la squadra il più in alto possibile. Dovremo rispettare gli obiettivi che la società si propone a tutti livelli, siano riferiti essi a traguardi sportivi, oppure  a un certo modo  di impostazione del lavoro, cercando sempre di coinvolgere la squadra ad allenarsi e giocare con spirito di sacrificio e con grande volontà di lavoro ».

Per Lei si tratta di un ritorno al Sud dopo l'esperienza da giocatore e da consulente tecnico a Catania. Che sensazioni prova?

« So di arrivare in un posto dove la pallavolo e’ molto sentita, dove c’è una bella storia e con un appoggio importante dei tifosi. La Tonno Callipo ha dato vita ad una realtà pallavolistica al Sud quando stava scomparendo quasi da tutte le parti almeno in A1. Ricordo con grande piacere e nostalgia il mio arrivo a Catania come giocatore, ho lasciato tanti amici ed il ricordo, anche li, di un certo orgoglio di essere una squadra del Sud che si batteva nel campionato di A1. Apprezzo molto la scelta del presidente  Callipo di voler riportare la Superlega a Vibo e in Calabria. Tutti noi dovremmo fare in modo di onorare questa decisione ».

Lei è il terzo allenatore argentino della Tonno Callipo dopo Taborda ed Uriarte. I suoi predecessori, in epoche diverse e in situazioni diverse. hanno lasciato un ottimo ricordo. Gli argentini a Vibo portano fortuna?

« So che, sia Taborda che Uriarte , sono stati a Vibo. Mi fa molto piacere sapere che hanno lasciato un buon ricordo. Sono amico di Uriarte e mi ricordo che all’epoca ne parlavamo della squadra di Vibo e lui era molto entusiasta di quella sua esperienza. Spero di fare anch’io bene come loro e, soprattutto, sono convinto che si produrrà anche con me il buon rapporto che c’era tra loro e la società ».

La nuova Tonno Callipo che squadra sarà? Che tipo di squadra immagina Kantor?

« Ancora è presto per parlare di quale tipo di squadra sarà. Mancano ancora molti  nomi e si sta lavorando per costruire una squadra di qualità con giocatori che, soprattutto, capiscano che a Vibo ci sarà da lavorare tanto e con tanto spirito di sacrificio. Mai anteporre la certezza di vincere a quella di lavorare per farlo, e mai dare per scontato un risultato prima di giocare la partita. ».

La città di Vibo Valentia, ma anche i tanti tifosi di tutta la Calabria, vuole confermarsi a grandi livelli. Cosa vuole dire ad una delle tifoserie più calorose d'Italia?

« Vorrei dire alla tifoseria che sono molto felice di essere a Vibo e di arrivare in un Palasport dove la gente si fa sentire, dove la gente e’ cosi vicina alla sua squadra e che farà sì che i giocatori si sentano ancora più forti. La Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia farà parte di un contesto importante e dirà la sua con autorevolezza. Ne  sono convinto ».

Articoli correlati

Commenti