Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

A2 maschile

Vedi Tutte
A2 maschile

Volley: A2 Maschile, Reggio Emilia tessera il giovane Ferrari

Volley: A2 Maschile, Reggio Emilia tessera il giovane Ferrari

Reggiano di nascita è cresciuto pallavolisticamente nelle giovanili di Modena. Arriva alla corte di Held per rinforzare la batteria dei centrali

Sullo stesso argomento

 

martedì 11 luglio 2017 12:41

REGGIO EMILIA- Un altro tassello va ad incastrarsi nel mosaico del Volley Tricolore Reggio Emilia. A completare il reparto Centrali arriva Jacopo Ferrari, nato a Reggio Emilia, classe ’98, 199 centimetri di altezza. Ha iniziato a giocare a pallavolo nell’ A.S.Pieve Volley come tanti ragazzi della provincia reggiana. Dopo aver superato le selezioni regionali si è poi spostato a Modena, entrando a far parte del settore giovanile del Modena Volley fino ad arrivare a disputare i campionati Under 20-Serie B. É uno dei giovani sui quali la società ha voglia di scommettere, talentuoso e volenteroso, vestirà i colori del Conad Volley Tricolore, sotto la guida di coach Held, per la stagione 2017-2018.

LE PAROLE DI JACOPO FERRARI-

« È il mio primo campionato in Serie A2 e spero davvero di imparare tanto da chi ha più esperienza di me, ma allo stesso tempo spero di poter dare un contributo significativo alla squadra. Conosco già coach Held e lo ringrazio per avermi voluto in squadra, è una grande persona e un tecnico che sa il fatto suo. Ho già giocato con alcuni dei miei compagni nelle giovanili di Modena quindi so cosa aspettarmi, Cester l’ho affrontato come avversario mentre altri saranno per me una novità. Sappiamo tutti che il campionato sarà molto lungo e quindi sono sicuro che ognuno di noi darà il massimo fin da subito, sarà importante trovare il giusto feeling e lavorare con costanza e determinazione. Il progetto che è stato fatto è davvero interessante, punta sia sull’esperienza che sui giovani, sono felice di farne parte e credo abbiamo le carte in regola per ottenere buoni risultati ».

Articoli correlati

Commenti