Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Coppe volley

Vedi Tutte
Coppe volley

Volley: Challenge Cup, Verona fa l'impresa a Lisbona e va in finale

Volley: Challenge Cup, Verona fa l'impresa a Lisbona e va in finale
© Cev

La squadra di Giani ribalta in trasferta il risultato dell'andata imponendosi 1-3 (15-25; 25-19; 17-25; 14-25) sul campo del Benfica. Nell'atto conclusivo gli scaligeri trovano i russi del Novy Urengoy

Sullo stesso argomento

 

domenica 20 marzo 2016 17:02

LISBONA (PORTOGALLO)- Serviva un’ impresa alla Calzedonia Verona per conquistare la qualificazione alla finale della Challenge Cup ed impresa è stata. Sconfitta al tie break al PalaOlimpia nella gara di andata dal Benfica la formazione di Giani era chiamata ad andare a vincere, possibilimente 0-3 o 1-3 per evitare il Golden Set, sul campo del Benfica. La partita degli scaligeri è stata quella che tutti i tifosi gialloblu (molti dei quali giunti in Portogallo per sostenere la propria squadra) sognavano. Subito aggressiva Verona ha sorpreso Renan e soci mettendo sin dal primo set in chiaro le cose. Vinto il nettamente il parziale Anzani e soci hanno poi subito il ritorno dei lusitani ma, ben lungi dal demoralizzarsi dopo aver perso il secondo, hanno ripreso a macinare gioco annichilendo letteralmente le resistenze avversarie nelle due restanti partite, vincendo il match con una disarmante sicurezza. Un risultato di grande prestigio che porta dunque la Calzedonia all’atto conclusivo della manifestazione nella quale troveranno di fronte la forte formazione russa del Novy Urengoy che hanno eliminato i belgi del Prefaxis Nemen. Il bello deve ancora venire.

La cronaca.

La Calzedonia Verona scende in campo con la formazione tipo: Baranowicz in cabina di regia, Starovic opposto, Zingel ed Anzani al centro, Sander e Kovacevic schiacciatori e Pesaresi libero. Il primo break è della Calzedonia Verona che si porta sul 3 a 4 dopo aver rincorso nelle prime fasi di gioco. Kovacevic schiaccia la palla del 4  6 e Starovic quella del +3 sfruttando al meglio turno al servizio di Zingel. La Calzedonia Verona accelera ancora; Pesaresi è protagonista di due difese super e nelle azioni di contrattacco i gialloblù non sbagliano arrivando sul 10 a 16. Nel finale la Calzedonia continua nella sua corsa praticamente perfetta. Difese, battuta e un grande attacco portano i gialloblù alla conquista del primo parziale: 15-25. 
Nel secondo set il Benfica ritrova i servizi incisivi che avevano caratterizzato la gara di andata. Dalla linea dei nove metri la formazione di casa mette in difficoltà la seconda linea gialloblù. La formazione di casa, al primo time out tecnico conduce per 8 a 5, un vantaggio che i galloblù di Andrea Giani non riescono più a recuperare. L’ace di Sander riavvicina le due squadre sul -3 (14-11) ma nel finale ancora una volta la formazione di casa allunga e passa dal 18 a 15 al 21 a 15. Nel finale, il Benfica si impone per 25 a 19. 
Grande reazione della Calzedonia Verona all’inizio del terzo set. Il tecnico del Benfica è costretto al time out sull’1 a 5 dopo un muro perfetto di Zingel. Anche dopo il primo time out tecnico, i gialloblù mantengono il vantaggio. Zingel schiaccia il 6 a 12 smarcato perfettamente da Baranowicz ma la gara torna ad essere equilibrata con le due formazioni che si rincorrono nel punteggio. Sette i punti di distacco tra le due formazioni al secondo time out tecnico ma al rientro in campo aumentano subito per il fallo al palleggio di Renan (9-17). Il Benfica inverte la diagonale principale inserendo Oliveira al palleggio e Llanes opposto ma l’equilibrio in campo non cambia. La Calzedonia non abbassa la guardia e vince il terzo set per 16 a 25. 

Il primo vantaggio della Calzedonia Verona nel quarto set è firmato da Zingel che chiude a muro su Gaspar. L’errore in attacco di Starovic riporta avanti i padroni di casa (6-5) Pesaresi e Kovacevic strappano applausi per il 6 a 7, il primo protagonista in difesa e il secondo in attacco. L’atmosfera si scalda punto dopo punto e i padroni di casa allungano sul 9 a 7. Starovic e Zingel annullano subito il doppio vantaggio portoghese (9-9) poi il Anzani mura per l’11 a 13 e l’invasione di Gaspar porta i giallobloù sull’11 a 14. Le vibranti proteste del Benfina constano alla formazione locale un cartellino rosso (11-15). Il break della Calzedonia prosegue, si porta sul 12 a 20 e può gestire così i punti finali. La festa gialloblù scatta sul 14 a 25. 

IL TABELLINO-

BENFICA LISBOA - CALZEDONIA VERONA 1-3 (15-25, 25-19, 17-25, 14-25)

BENFICA LISBOA : Bertassoni 1, Duff 8, Reis Lopes 2, Silva Reis 6, Gelinski, Casas (L), Lucas Gaspar 21, Van Werkhoven 1, Oliveira 1, Kolev 5, Llanes Diaz 5, Soares 4. All. Jardim.

CALZEDONIA VERONA : Zingel 12, Kovacevic 13, Pesaresi (L), Gitto, Lecat, Spirito, Baranowicz, Starovic 15, Bellei, Sander 18, Anzani 10. Non entrati Bucko. All. Giani.

ARBITRI: Erce Alvarez Juan Antonio - Mcdougall Br.

NOTE - durata set: 22', 27', 25', 26'; tot: 0'.

Benfica LISBOA : Battute errate 13, Ace 2. Calzedonia VERONA : Battute errate 11, Ace 3.




Articoli correlati

Commenti