Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

SuperLega

Vedi Tutte
SuperLega

Volley: Superlega, Radostin Stoytchev lascia Trento

Volley: Superlega, Radostin Stoytchev lascia Trento
© Legavolley

L'allenatore bulgaro ha comunicato di voler interrompere il contratto ancora in essere con la società trentina, con la quale ha centrato 319 vittorie e conquistato 15 titoli.

Sullo stesso argomento

 

giovedì 23 giugno 2016 17:20

TRENTO- Radostin Stoytchev saluta Trentino Volley. Al termine di un cordiale incontro con i vertici societari, l’allenatore bulgaro ha comunicato di voler interrompere il contratto ancora in essere con la Società. Radostin Stoytchev ha guidato la Diatec Trentino per 389 gare ufficiali, ottenendo in totale 319 vittorie e raccogliendo 15 titoli: 4 Mondiali per Club, 3 Champions League, 3 Scudetti, 3 Coppe Italia e 2 Supercoppe Italiane.

 

I PROTAGONISTI-
Radostin Stoytchev (Ex Allenatore Trento)- «Non è stata una decisione semplice, ma dopo aver portato a termine l’ultima stagione senza vincere titoli ho capito e ho deciso che era arrivato il momento di cambiare. La mia non è assolutamente una scelta legata alla competitività della squadra che verrà allestita. Voglio ringraziare la Società, il Presidente, tutto lo staff e i giocatori che ho avuto la fortuna di allenare in questi otto anni perché assieme abbiamo vissuto momenti bellissimi ed ottenuto vittorie straordinarie. Al tempo stesso dico grazie alla Provincia Autonoma di Trento per aver sostenuto il nostro progetto, al Club Amici del Volley per quanto fatto nelle ultime due stagioni e, non per ultimo, ai tifosi che ci hanno sempre seguito con affetto e passione. Sono grato ai Club che mi hanno contattato in queste ultime settimane ma voglio restare fermo perché a settembre non me la sarei mai sentita di rientrare in palestra e giocare contro Trentino Volley».

Diego Mosna (Presidente Trento)- «Siamo molto dispiaciuti ma accettiamo la decisione di Radostin Stoytchev. Conosciamo da anni la sua tempra ed il suo carattere e quindi sappiamo che per dare tutto ha bisogno di essere convinto al 100% di quello che sta facendo. Per motivi personali non poteva più esserlo e quindi non ci resta che ringraziarlo per tutto quello che ha fatto per Trento e Trentino Volley in queste otto stagioni sulla nostra panchina. A lui vanno i migliori auguri per il suo futuro professionale e non solo».

Articoli correlati

Commenti