Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

SuperLega

Vedi Tutte
SuperLega

Volley: Superlega, Petar Premovic una giovane promessa per Padova

Volley: Superlega, Petar Premovic una giovane promessa per Padova

L'opposto serbo arriva dal Vojvodina di Novi Sad, sarà l'alter ego di Gabriele Nelli

Sullo stesso argomento

 

giovedì 22 giugno 2017 15:25

PADOVA- La Kioene Padova piazza un altro importante colpo di mercato. Dalla Serbia arriva l’opposto Petar Premovic, protagonista con la maglia dell’OK Vojvodina Novi Sad nella stagione 2016/17 con cui ha vinto lo scudetto. Inserito nel “Dream Team” dell’ultimo campionato serbo in cui ha realizzato 449 punti (30 ace e 43 muri vincenti) chiudendo al 3° posto tra i migliori marcatori, Premovic sarà una pedina importante per il team bianconero che completa così questo reparto insieme a Gabriele Nelli.  Nato il 12 settembre 1994 a Raska (SRB), Premovic ha giocato dal 2009 al 2015 con l’OK Radnicki Kragujevac per passare poi al Vojvodina di Novi Sad. La società bianconera ha sottoscritto un accordo triennale con l’atleta serbo.

LE PAROLE DI PETAR PREMOVIC-

« Questo è un passo importante per la mia carriera che mi permetterà di crescere ulteriormente. Col tempo voglio dimostrare a me stesso e a tutti che posso adattarmi a questa Superlega giocando con i più grandi atleti di questo campionato. Sono pronto e motivato. Tecnicamente cerco di sfruttare la mia altezza e la potenza per potermi adattare al gioco di ogni palleggiatore ».

Il 15 febbraio scorso Premovic affrontò anche la LPR Piacenza in Coppa CEV realizzando 15 punti (miglior marcatore del match), ma è lui stesso a raccontare una piccola curiosità.

« Ho iniziato a giocare a 14 anni nel Radnicki Kragujevac  e inizialmente il mio ruolo era quello dell’alzatore. Poi il mio allenatore dell’epoca volle sfruttare la mia altezza per cambiarmi ruolo. E’ stata la giusta decisione, perché poi ho avuto modo di emergere ».

Sui giocatori a cui s’ispira ha le idee chiare.

« Mi piace molto lo stile di gioco di Cvetan Sokolov e Mariusz Wlazly  anche perché negli anni hanno dimostrato di essere dei vincenti. Da serbo penso però che Ivan Miljkovic sia l’opposto per eccellenza, quello a cui tutti noi ci siamo ispirati fin da piccoli ».

Articoli correlati

Commenti