Volley femminile

Vedi Tutte
Volley femminile

Volley: La FIVB toglie la sospensione a Miriam Sylla per doping

Volley: La FIVB toglie la sospensione a Miriam Sylla per doping

Riconosciuta all'atleta italiana la contaminazione con clenbutenolo di alcuni cibi ingeriti in Cina e l'assoluta buona fede. Già da oggi la schiacciatrice azzurra potrà tornare in campo con Bergamo. Resta il rimpianto per la sua mancata partecipazione all'ultimo Europeo

Sullo stesso argomento

 

giovedì 12 ottobre 2017 13:11

ROMA- La FIVB ha comunicato ufficialmente oggi alla Federazione Italiana Pallavolo l’interruzione della sospensione dell’azzurra Miriam Sylla, precedentemente fermata a causa di una positività alla sostanza clenbuterolo, in occasione di un test antidoping effettuato al termine della finale del World Grand Prix del 6 agosto 2017 a Nanchino (Cina).

Una serie di test approfonditi ha infatti dimostrato come la positività sia causata da una contaminazione alimentare, dovuta a sostanze contenute nel cibo, assunto in Cina durante le finali del World Grand Prix.

La FIVB trasmetterà ora tutti i risultati dei test all’Agenzia Mondiale Antidoping (WADA).    

A partire da oggi Miriam Sylla potrà quindi riprendere l’attività agonistica con la propria società la Foppapedretti Bergamo.

Miriam è ovviamente felice ed emozionata per la fine della brutta storia che l'ha vista protagonista.   

« Sono felice. Ho vissuto un incubo e sono felice che sia finito. Ora ho solo voglia di tornare ad allenarmi con la mia squadra, di entrare a far parte del nuovo gruppo, aiutarlo a crescere e crescere con le mie compagne. Ho bisogno del campo: mi metto a disposizione della squadra e proverò a fare subito la mia parte. Non dimenticherò però mai questa esperienza…
Ringrazio la Fipav per il sostegno e il Volley Bergamo che non ha mai avuto dubbi su di me ed è stato paziente ».

« Questa è una bellissima notizia - le parole del Presidente Pietro Bruno Cattaneo della Fipav - sin dal primo momento la Federazione e la Foppapedretti Bergamo hanno creduto alla buona fede dell’atleta che ci aveva assicurato di non aver assunto alcuna sostanza dopante. La nostra tesi sulla contaminazione alimentare si è rivelata fondata e così adesso finalmente Miriam potrà tornare in campo.

Questa vicenda certamente lascia tanto amaro in bocca: prima dell’Europeo la Nazionale Italiana ha infatti perso una giocatrice importante e soprattutto a Sylla è stata tolta ingiustamente la possibilità di partecipare alla competizione, finendo oltretutto sotto la lente d’ingrandimento dei media per un qualcosa che non aveva fatto.

La Federazione Italiana Pallavolo è da sempre in prima linea nella lotta al doping, ma vicende come queste devono essere d’insegnamento per evitare che in futuro possano ripetersi casi analoghi ».

Articoli correlati

Commenti