Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

A2 femminile

Vedi Tutte
A2 femminile

Volley: A2 Femminile, Cisterna ingaggia la serba Ivana Bulajic

Volley: A2 Femminile,  Cisterna ingaggia la serba Ivana Bulajic
© Omia Cisterna

Classe 1991, per 188cm di altezza, proviene dalla formazione finlandese del Pieksamaki Volley. Atleta molto duttile che puà giocare sia di banda che al centro

Sullo stesso argomento

 

lunedì 29 agosto 2016 19:39

CISTERNA (LATINA)- Ancora un colpo importante per l’Omia Volley che ha ingaggiato la forte atleta serba Ivana Bulajic, alla prima esperienza nel campionato italiano.

LA CARRIERA-

Classe 1991 per 188cm di altezza, Ivana Bulajic dal 2009 al 2011 milita nel Dinamo Azotara Pancevo (Serbia): la squadra si piazzerà terza nel 2009 in campionato e sarà vicecampione nella Coppa Serbia. Nel 2010 parteciperà alla Coppa CEV Femminile.

Nelle stagioni 2011-2012 decide di andare negli States, dove continuerà la sua crescita pallavolistica nei prestigiosi college americani di Tyler Junior College (Texas) giocando come capitano nella prima divisione NJCAA e successivamente (2013-2014) al Florida Atlantic University, sempre prima divisione NCAA. Nella sua parentesi americana lavora duramente non solo nello sport ma anche negli studi: si laurerà in Sociologia.

Chiusa l‘esperienza americana rientra in Europa lo scorso anno tra le fila del Pieksamaki Volley (Finlandia) e vince la Fighter Cup.

LE DICHIARAZIONI-

Marco Saccucci (Vice allenatone Omia Cisterna)- « Ha la fisicità tipica di un’attaccante di alto livello. Di lei ci ha impressionato subito la velocità di braccio. Giocando anche al centro, è capace di importanti accelerazioni di gioco ed è molto evoluta a muro. Inoltre è in possesso di una battuta molto potente e di solidi fondamentali di difesa. Insomma, una giocatrice completa che ben si incastra con le qualità delle altre sue compagne ».

Andrea Noschese (Direttore Sportivo Omia Cisterna) - « Trattativa importante andata a buon fine, Ivana è un bel colpo nel nostro mercato. Le soprese, però, potrebbero non essere finite ».

Articoli correlati

Commenti