Napoli, il sogno si colora:
Cavani-Lavezzi uno show

L'argentino e l'uruguaiano riportano alla mente la coppia Maradona-Careca. E i tifosi già "vedono" lo scudetto. Tra i due nuovi bomber l'intesa sta maturando Pure la gestione voluta da Mazzarri sta dando frutti molto importanti

NAPOLI, 12 novembre - Quei due lì davanti invitano a sognare. L’exploit di Cagliari ed il modo in cui è avvenuto ha galvanizzato una città intera. Ieri erano in tanti ad azzardare previsioni rosee sul cammino del Napoli in campionato. «Se migliora l’intesa tra Cavani e Lavezzi saranno dolori per tutti», «Se comincia a far gol anche il Pocho, nul­la è precluso», dicevano i tifosi del Napoli per strada, senza peraltro mai pronuncia­re la parola "scudetto". Ma solo per un fat­to scaramantico. Parecchi vi credono. Moltissimi vi sperano. «Specie se la socie­tà a gennaio, dovesse apportare i giusti ri­tocchi ad un organico già competitivo».

LA STAFFETTA - Ad indurre all’ottimismo collettivo, l’in­tesa che sta crescendo tra Cavani e Lavezzi. Tra i due si è già instaurato un bel feeling. In campo e fuori. Si scambiano assist a vicenda. Si scambiano volentieri di ruolo. E nessun problema se uno dei due dovesse partire dalla panchina. Anzi, è diventato persino uno dei segreti delle ultime vittorie del Napoli, tre di fila: a Brescia è entrato Ca­vani ed è andato in gol Lavezzi; con il Par­ma è subentrato Lavezzi e Cavani ha rad­doppiato; a Cagliari, l’ingresso dell’uru­guagio ha favorito il quarto colpaccio del­la stagione giunto sul filo dei secondi. Qualcosa di simile era accaduto anche a Cesena alla quinta di campionato: basto l’inserimento di Cavani per far saltare il banco e mandare al tappeto i romagnoli. Alla staffetta si presta di solito un altro argentino, il principito Sosa. Provvede lui inizialmente a fare da partner ad uno dei due in attacco e quando gli avversari sono stanchi, ecco l’inserimento vincente da parte di Mazzarri. Come avere un asso nella manica e calarlo sul tavolo da gioco al momento opportuno. E che asso. Cava­ni o Lavezzi possiedono capacità tecniche ed atletiche fuori del comune. Sanno ag­gredire gli spazi come pochi, saltare l’uo­mo, concludere. Agli avversari mettono apprensione continua: basta distrarsi un attimo che sono lì pronti per castigarti. Ne sanno qualcosa i difensori del Cagliari ma anche quelli del Brescia o del Parma.

IL POCHO - Non era così durante la gestio­ne- Reja. Lavezzi, nel frattempo, è matura­to. Ha eliminato certi egoismi, è diventato più uomo-squadra, nonché concreto in zo­na gol. Segue alla lettera i consigli di Maz­zarri perché il Pocho ha realizzato che so­no quelli giusti per proiettarlo nel mondo dei top-player. Già quattro gol finora e tut­ti nell’ultimo mese, peraltro diversi l’uno dall’altro. Lo scorso anno nelle prime un­dici gare, Lavezzi era andato a bersaglio solo due volte. Idem l’anno ancora prima quando sulla panchina del Napoli c’era l’attuale tecni­co della Lazio. Con al fianco Cavani è cambiato anche il suo modo di giocare: pass indifferentemente da prima o seconda punta a seconda le circostanze. E Lavezzi si diverte, giocando, questo è il dato che più ha colpito i tifosi partenopei. Dopo l’esultanza con tuf­fo nel pantano (alla Maradona), la capoc­ciata nel tabellone pubblicitario a Caglia­ri. Da «loco», come usava fare al San Lo­renzo nell’anno dello scudetto, prima che venisse agganciato da Pierpaolo Marino.

IL MATADOR - I tifosi stravedono anche per lui, perché sa essere altruista pur viag­giando a braccetto con Eto’o nella classi­fica dei marcatori (8 reti, senza rigori). A lui ed a Lavezzi non sanno più cosa dedi­care. Ed a molti, la sua generosità, le sue movenze e la sua spietatezza ricordano tanto Careca. Così come Lavezzi nella sua gestualità e nel suo funamobilismo in cam­po ricorda ai napoletani il mito di sempre, Diego Armando Maradona. E con quei due in attacco ed una squadra capace di fare muro alle loro spalle il Napoli arrivò fino a vincere uno scudetto ed una coppa Uefa. E se accende il turbo anche Hamsik? Al momento manca solo lui all’appello ma il suo lavoro a tutto campo è così prezioso che Mazzarri giammai l’alternerebbe con un altro.

Rino Cesarano
97
  1. 1livornocalcio1 Scrive:
    14/11/2010 13:31:41

    Molto bene il Napoli.Questa squadra ha le carte in regola per restare in alto e sperare ne lquarto posto,visto che anche la Samp senza Cassano noon è più competitiva nemmeno per l'Europa League.Al Napoli portebbe srvire un centrocampista dai puedi buoni da affiancare ad Hamsik,in modo da servire assist a Cavani e a Lavezzi,e un difensore centrale un pò più affidabile di Criberi.Ci son anche giovani promettenti come Insigne ma sopratutto Dumitru,che può diventare davvero un furiclasse.

  2. Cstgnn Scrive:
    14/11/2010 13:01:20

    Non ci dimentichiamo che il campionato è ancora molto lungo e che fino ad' ora certi valori non si sono ancora espressi del tutto.
    Basta con questi discorsi da esaltati dello sport.
    Per me lo scudetto se lo vincerà l' Inter o il Milan, e come outsider ci metto la Lazio.

  3. Cstgnn Scrive:
    14/11/2010 12:59:33

    Il Napoli è una buona squadra, gioca bene e ha buoni giocatori, ma per favore non esageriamo adesso parlando di scudetto!!!
    Per me massimo può arrivare tra le prime 4 - 6 squadre del campionato.
    Non dimentichiamo che ci sono squadre come l' Inter, il Milan, la stessa Lazio, la Juve, la Roma, il Palermo, il Chievo che li battuti soronamente in casa 3-1 e la stessa Sampdoria.
    Parlare di scudetto mi sembra un pò azzardato.

  4. vincenzo09 Scrive:
    14/11/2010 00:59:35

    Dire che il Napoli vinse con Maradona e Careca (non presente nel primo scudetto) e gli altri dietro a fare muro è assolutamente semplicistico. Dietro i due c'erano gente come Giordano, Romano, Bagni, Ferrara, ecc. E pensiamo anche che quello che forse è stato il miglior Napoli di sempre (1987/88) non ha vinto nulla perché rimontato dal Milan e penalizzato da vari fattori (panchina inadeguata, logorio di rapporti tra squadra e tecnico) Dietro Lavezzi e Cavani, e mettiamoci anche Hamsik, chi c'è?

  5. totti10roma Scrive:
    13/11/2010 18:37:22

    IL NAPOLI è 1 GRAN BELLA SQUADRA! IL POCHO è UN SIGNOR GIOCATORE.....MA CMQ FORZA ROMA

  6. Scrive:
    13/11/2010 14:16:40

  7. evat_marco Scrive:
    13/11/2010 09:54:51

    @frontes... sei patetico, semp a stess cosa... stai sotto? e allora sei dove ti meriti, se sei sopra invece domenica ti riprendiamo.... e devi ringraziare gli arbitri...

    Scrivi un commento
    Per poter inserire un commento/articolo devi eseguire il login


     


     
    Se non sei ancora registrato clicca quì: REGISTRATI
     
    in edicola
    Vai alla prima pagina

    Adv