Corriere Dello Sport.it

Roma

Cerca in Corriere dello sport.it:
  • Si 
  • No 
 

domenica 06 aprile 2014

Serie A Roma, Destro da rosso su Astori. «Avevo occhi chiusi» FOTO

Il contatto col difensore del Cagliari poteva costare l'espulsione al romanista, che si difende: «Non lo vedo neanche, quindi figuriamoci. Se si vede bene i miei occhi sono chiusi e guardo da un’altra parte»

FOTO Destro, contatto con Astori: era da cartellino rosso
ROMA - Mattia Destro protagonista assoluto nella vittoria della Roma sul Cagliari al Sant'Elia. L'attaccante giallorosso ha realizzato la tripletta che è valso il successo 3-1 sugli isolani ma, in precedenza, è stato coinvolto in uno scontro di gioco con Astori. L'arbitro Massa ha punito con il giallo il difensore rossoblù per essersi avvicinato minacciosamente a Destro, ma le immagini televisive mostrano che Destro colpisce al volto l'avversario con una manata (Astori invece lotta sgomitando). Un contatto che poteva costare il cartellino rosso al romanista. Il giocatore, però, si difende ai microfoni di Sky:


Un commento sull’episodio con Astori.
"Il contatto c’è, comunque è stato lui per primo ad allargare le braccia, poi io cado per terra... Io ho gli occhi chiusi, non lo vedo neanche, quindi figuriamoci. Se si vede bene i miei occhi sono chiusi e guardo da un’altra parte. Sinceramente poi Astori è un amico".

Astori è stato ammonito per le proteste.
"Credo sia stato ammonito per il gesto che ha fatto dopo, quindi non c’è nulla da dire, credo. È stato ammonito per questo, non per il contatto".

Hai una media di una rete ogni 85 minuti.
"È una buona media. L’obiettivo è quello di vincere tutte le domeniche e cercare di fare gol".

Adesso siete a meno cinque dalla Juve: avete ancora un po’ di speranza di raggiungerla?
"Noi lottiamo, facciamo il nostro campionato, facciamo la nostra corsa, lotteremo fino alla fine".

Oggi tripletta.

"Il pallone me lo porto volentieri a casa".

In chiave Mondiale?

"Io faccio il mio ogni domenica, cerco di fare il bene per la Roma".

Sembri non attento quando c’è da tenere palla o fare un movimento per i compagni.
"Onestamente ci sto lavorando molto e il mister mi sta dando una grande mano. Quando gioco con Francesco, comunque, mi metto sempre a disposizione della squadra e cerco sempre di dare il massimo. È logico che devo sempre migliorare e questo è un aspetto sul quale devo migliorare molto".

Quanto è importante Garcia per te?
"Penso che tutti sappiano che non ho vissuto una situazione facile perché sono stato fuori tanto tempo e, comunque, avere un allenatore nuovo, appena arrivato, che nonostante tutto mi tiene tuttora e, anche all’inizio, quando ero fuori, in considerazione… per un giocatore che sta fuori tanto, avere un allenatore che, anche se non sei con il gruppo, anche se non fai allenamento, anche se non sei disponibile ha sempre molta fiducia in te. Penso che ci sia un grande rispetto, lo ringrazio molto".

Ci vediamo in Brasile…
"Speriamo".
Tutte le altre news di Roma →

Ti potrebbe interessare!

Inserisci Commento

Utilizza questa funzione per segnalare il commento ai moderatori.
Quale di queste opzioni descrive meglio la motivazione della segnalazione:

Per commentare, loggati con uno dei servizi disponibili:

Commenti

    In Edicola

    • Vai alla prima pagina