Sampdoria: «Il nostro è
il mercato della coerenza»

La società blucerchiata in una nota: «Tutti i nostri campioni sono rimasti, nonostante il 'fastidio mediatico' e le voci di mercato"

    GENOVA, 31 agosto - Tramite un comunicato ufficiale sul proprio sito internet la Sampdoria ha voluto sottolineare la "coerenza" del proprio calciomercato. La società blucerchiata specifica come tutti i campioni siano rimasti a Genova, nonostante il "fastidio" mediatico e le voci di mercato relative ai giocatori sampdoriani.
     
    IL COMUNICATO - "La sessione estiva del calciomercato 2010/11 si chiude senza sussulto alcuno per quel che riguarda la nostra Sampdoria -recita la nota della Samp-. Si riparte con tutti i nostri campioni per una nuova e si spera esaltante stagione. Dal 16 maggio scorso ad oggi sono passati esattamente 107 giorni. 107 giorni di fervido entusiasmo per i tifosi della Samp, chiusi sul finale dal sogno svanito legato al possibile ingresso nei gironi della competizione continentale più ambita. 107 giorni comunque indimenticabili, "sporcati" fin dal 16 maggio scorso - e a ben vedere ancor prima - dal continuo, inarrestabile, pesante, a tratti fastidiosissimo can can mediatico inscenato da quotidiani e tv riguardo alle possibili partenze eccellenti di casa nostra".

    "Un "fastidio" continuo. Per molti, quasi per tutti, la Sampdoria versione 2010/11 avrebbe dovuto presentarsi ai nastri di partenza della stagione in essere priva di tutti quegli straordinari interpreti capaci, non più tardi di 107 giorni fa, di regalare alla Genova blucerchiata un’annata da ricordare e un sogno a lungo cullato ed in ogni caso svanito giocandoselo sul campo fino all’ultimo secondo -prosegue il comunicato-. Angelo Palombo, Giampaolo Pazzini, Antonio Cassano, Andrea Poli e compagnia si sono visti un giorno sì e l’altro pure vestiti con i colori più improbabili. Accostamenti senza senso quando a conti fatti anche i muri sanno che non esiste divisa e casacca al mondo più bella da indossare di quella sorta dalla comunione cromatica di Sampierdarenese ed Andrea Doria. L’esempio più lampante ci fa pensare ad un notissimo quotidiano nazionale capace in poco più di 100 giorni di vestire con un’altra assai meno affascinante associazione di colori ben nove elementi della attuale rosa a disposizione di mister Di Carlo. Un record… Record "virtuale" poiché alle ore 19.00 e spiccioli del 31 agosto 2010, nessuno di quei nove calciatori tesserati per la U.C. Sampdoria ha mosso le tende dalla sponda blucerchiata del Bisagno".

    "La nostra coerenza -conclude la Sampdoria-. Il tutto peraltro senza calcolare minimamente la posizione del sodalizio di Corte Lambruschini, coerente fin da inizio estate nell’affermare - attraverso le parole del presidente Riccardo Garrone e del direttore generale Sergio Gasparin - come non ci si sarebbe privati di uno dei prestigiosi "quadri di famiglia". Certo il mercato è un grande barnum con il quale ciclicamente bisogna fare necessariamente i conti, ma a prescindere da ciò il fastidio non è mancato… affatto. Un fastidio mitigato da quel piacevole retrogusto della rivincita nei confronti di chi, troppo spesso si dimentica che una "sparata" senza senso può arrivare a ledere i sentimenti e le passioni di una tifoseria intera. L’aver regalato sempre e comunque "rispetto" a tutti evidentemente a poco è servito. Poco male… In fondo siamo ancora tutti qui ed il supermercato non ha proposto né svendite, né saldi. Siamo la squadra più bella del mondo e ci dispiace per gli altri… Cordialità".

    8
    1. jeffseven Scrive:
      01/09/2010 16:24:14

      tonino 1980 spero per la sampdoria che non accada perchè questa è una squadra con un grande passato e che ha il diritto di tornare a grandi livelli..non stiamo parlando di una società medio bassa che per salvarsi e per mantenere un certo bilancio ha bisogno di vendere i pezzi pregiati..se questa società è seria e solida non venderà nessuno,anzi cercherà di rafforzare la squadra

    2. Biancaneve80 Scrive:
      01/09/2010 15:57:12

      Tonino, Palombo è con noi da 8 anni e puntualmente, qui è rimasto... Pazzini sono 2 mesi che è stato venduto alla Juve.
      Io direi che dovreste guardare in casa vostra invece che parlare di niente, vi pare? La lezione non vi è bastata allora.. contenti voi, noi sicuramente.

    3. tonino1980 Scrive:
      01/09/2010 15:45:51

      tanto l'anno prossimo uno tra Pazzini e Palombo li vende se nn tutti e 2!

    4. edodeluca Scrive:
      01/09/2010 12:28:12

      per seawolf79 -
      si vede ampiamente che non sei blucerchiato
      Ha ragione Garrone: i "quadri di famiglia" si gustano a casa propria e non a casa degli altri - chi vuole vederli venga a Samplandia o accenda la Tv.

    5. Biancaneve80 Scrive:
      01/09/2010 11:55:56

      Diciamo che coloro che credevano di poter comprare i nostri giocatori (probabilmente per due soldi) sono rimasti con un pugno di mosche in mano..
      I dettagli economici delle offerte (vere o presunte) dubito che si sappiano.

    6. Scrive:
      01/09/2010 09:57:10

    7. seawolf79 Scrive:
      01/09/2010 01:01:31

      Su dai, diciamo che volevate 20 milioni per Cassano (sua clausola recissoria) e 30 per Pazzini e al massimo ve ne hanno offerti la metà...

    8. Biancaneve80 Scrive:
      31/08/2010 23:39:26

      Orgogliosa di questi colori,di questi giocatori e soprattutto di questa Dirigenza(con la D maiuscola).Sono mesi che i giornali hanno smembrato i nostri giocatori e il risultato è che nessuno si è mosso.
      Mimmocosta, mi spiace, ma alla rubentus il giocatore lo avete venduto solo voi... i nostri ce li siamo tenuti ben stretti.
      Salutate Quagliarella quando lo vedete

      Scrivi un commento
      Per poter inserire un commento/articolo devi eseguire il login


       


       
      Se non sei ancora registrato clicca quì: REGISTRATI
       

      Adv