Corriere Dello Sport.it

Volley

Cerca in Corriere dello sport.it:
© GALBIATI/ZANI
  • Si 
  • No 
 

lunedì 27 ottobre 2014

SuperLega, c'è già un caso Piacenza

Dallo sponsor e teorico proprietario Ardelia solo promesse di pagamento ma niente soldi. Il presidente della Copra cerca investitori arabi: «Ma se sfuma anche il piano B, dovremo abbandonare il campionato»

di Leandro De Sanctis

 

ROMA - Sembra incredibile ma dopo due sole giornate di campionato, anzi, ancor prima che il secondo turno andasse in scena, c’è già l’allarme...biancorosso. Evidentemente chi in estate aveva avanzato qualche dubbio sul fatto che la SuperLega potesse essere compatibile con certe situazioni, con ciò che il recente passato aveva messo in piazza, non era lontano dal vero. Quando in SuperLega sono ammesse società che un giorno annunciano le dismissioni e l’altro si ripresentano, che escono ed entrano dalla Champions League, si deve ritenere che la situazione e la solidità economica concreta di questi club sia stata verificata dalla Lega. In modo da non rischiare la colossale figuraccia di partire con un torneo ambizioso, di proporsi come punto di riferimento rivoluzionario per tutto lo sport italiano, e poi incassare il colpo di una società che dopo un mese di campionato getta la spugna e sparisce, perchè non in grado di sostenere il peso economico della stagione. 
Ora c’è lo spettro della crisi di Piacenza. Un caso che pare sconfinare nell’assurdo e che è ben rappresentato dai toni, stavolta seri e preoccupati, amaramente realistici del presidente Guido Molinaroli, che ha voluto essere trasparente con tutti, coinvolgendo tifoseria e giocatori nella situazione in cui rischia di precipitare il suo club. La squadra in teoria sarebbe passata nelle mani del patron del marchio Ardelia, il signor Dario Ruggieri, diventato amministratore delegato e maggior azionista con il 51% delle azioni. Peccato che i soldi annunciati e promessi non siano mai arrivati. Ascoltando Molinaroli, c’è poco da stare tranquilli: «Se non arrivano i soldi dobbiamo sperare che vada a buon fine la trattativa con altre forze economiche e se anche il piano B dovesse fallire, non resterà che chiudere tutto». Inevitabile chiedersi su che basi sia stata accettata l’iscrizione del Piacenza: non si era detto che le promesse di pagamento non erano più garanzie sufficienti? Ciò che è successo nel campionato femminile non ha insegnato nulla?

 

Tutte le altre news di Volley →

Ti potrebbe interessare!

Inserisci Commento

Utilizza questa funzione per segnalare il commento ai moderatori.
Quale di queste opzioni descrive meglio la motivazione della segnalazione:

Per commentare, loggati con uno dei servizi disponibili:

Commenti