PRESENTA IL CONCORSO
"VINCI IL GRANDE CINEMA"
Dal 21 al 27 giugno 2019,
partecipa al concorso “VINCI IL GRANDE CINEMA”.

Guarda il trailer e rispondi correttamente alle domande.
Potrai vincere un fantastico soggiorno di 2 notti presso il
BW Premier Collection Grand Hotel Royal****
di Viareggio
e decine di biglietti cinema
GIOCA!
Concorso valido dal dal 21 giugno 2019 al 27 giugno 2019.
Estrazione entro il 15/07/2019. Valore complessivo montepremi 1.450,00€+ iva ove dovuta.
 
Sinossi
Un giovane uomo ha il raro dono di riconoscere ogni suono che sente. A bordo di un sottomarino nucleare francese ogni cosa dipende da lui, “l’orecchio d’oro”. Tutti lo reputano il migliore, finché un giorno non commette un errore che mette l’equipaggio in pericolo di vita. Per cercare di recuperare la fiducia dei suoi compagni, finirà per mettersi in una situazione ancora più drammatica. Nel mondo della dissuasione nucleare e della disinformazione, si ritroveranno tutti intrappolati in un ingranaggio incontrollabile.

Cast & Credits
Regia: Antonin Baudry
Sceneggiatura: Antonin Baudry
Montaggio: Nassim Gordji Tehrani, Saar Klein
Scenografia: Benoît Barouh
Costumi: Mimi Lempicka
Prodotto da: Pathé, Tresor Films e Chi-Fou-Mi Productions
Direttore della fotografia: Pierre Cottereau
Genere: azione, thriller
Distribuzione: Adler Entertainment
Data di uscita: 27 giugno 2019
Cast artistico: François Civil, Omar Sy, Mathieu Kassovitz, Reda Kateb, Paula Beer.

Un approfondimento sul film
Wolf Call - Minaccia in alto mare è l’esordio sul grande schermo di Antonin Baudry, ex diplomatico e appassionato di fumetti che abbandonata la carriera politica ha deciso di dedicarsi al suo sogno: fare cinema. Il suo progetto è ambizioso, atipico, esplora un soggetto fino ad oggi poco noto: quello della dissuasione nucleare e dei suoi complessi meccanismi. In una breve intervista, il regista ci racconta il suo punto di vista: “è un mondo nascosto, misterioso ma fondamentalmente umano in cui la fiducia, il rispetto, anche con la gerarchia, il modo in cui si prendono le decisioni, l’interpretazione dei segni, lì dentro diviene tutto una questione di vita e di morte”. E ancora: “è un microcosmo della società nel quale tutte le cose che separano la gente in superficie – la religione, la politica, le origini – non esistono. Conta solo la solidarietà, il coraggio, il fatto di poter reagire insieme. Allo stesso tempo, il mondo dei sottomarini nucleari è un universo duro, in cui c’è in gioco la dissuasione nucleare, l’auto-annichilimento della specie umana. Ho voluto cercare di capire questo paradosso. ”È un film che elogia un eroismo discreto, quello di persone invisibili che compiono azioni di cui nessuno saprà mai nulla, e non lo fanno per un riconoscimento. È una ricostruzione meticolosa di ciò che accade nelle profondità marine, lo stesso linguaggio, quello dei sommergibilisti, costituisce un elemento drammatico ma importante del film caratterizzandolo e portandolo ad essere un film d’azione unico nel suo genere.