"Le 5 clausole più curiose nella storia del calciomercato"

Il quotidiano spagnolo 'Marca' ha pubblicato una lista delle formule più singolari inserite nei contratti tra squadre e calciatori

LA CLAUSOLA "ANTI-MORSO" DI LUIS SUAREZ - BARCELLONA

Il Barcellona ha ingaggiato Luis Suárez nel 2014, dopo il Mondiale in Brasile, nel quale l'uruguaiano si era reso protagonista in negativo con il morso a Giorgio Chiellini durante la sfida tra Italia e Uruguay. Per questo i catalani vollero assicurarsi che episodi del genere non si verificassero più. Secondo il quotidiano inglese 'Daily Mirror', il contratto del "Pistolero" prevedeva una clausola 'anti-morso'. Se Suárez avesse nuovamente morsicato un avversario, il giocatore uruguaiano avrebbe dovuto risarcire il Barça di tasca propria
1 di 5© Getty Images
LA CLAUSOLA "ANTI-MORSO" DI LUIS SUAREZ - BARCELLONA Il Barcellona ha ingaggiato Luis Suárez nel 2014, dopo il Mondiale in Brasile, nel quale l'uruguaiano si era reso protagonista in negativo con il morso a Giorgio Chiellini durante la sfida tra Italia e Uruguay. Per questo i catalani vollero assicurarsi che episodi del genere non si verificassero più. Secondo il quotidiano inglese 'Daily Mirror', il contratto del "Pistolero" prevedeva una clausola 'anti-morso'. Se Suárez avesse nuovamente morsicato un avversario, il giocatore uruguaiano avrebbe dovuto risarcire il Barça di tasca propria
LA CLAUSOLA CONTRO I VIAGGI SPAZIALI PER STEFAN SCHWARZ - SUNDERLAND

Il Sunderland ha ingaggiato Schwarz nel 1999, dal Valencia, e ha successivamente scoperto che un amico del giocatore svedese aveva acquistato un biglietto per un volo spaziale per il 2002. La società inglese voleva scongiurare ogni possibilità - anche puramente ipotetica - che Schwarz salisse su quel volo, e per questo motivo inserì un clausola nel suo contratto contro i viaggi spaziali
2 di 5© Getty Images
LA CLAUSOLA CONTRO I VIAGGI SPAZIALI PER STEFAN SCHWARZ - SUNDERLAND Il Sunderland ha ingaggiato Schwarz nel 1999, dal Valencia, e ha successivamente scoperto che un amico del giocatore svedese aveva acquistato un biglietto per un volo spaziale per il 2002. La società inglese voleva scongiurare ogni possibilità - anche puramente ipotetica - che Schwarz salisse su quel volo, e per questo motivo inserì un clausola nel suo contratto contro i viaggi spaziali
LA CLAUSOLA CONTRO LE SCARPE ROSSE DI RAFAEL VAN DER VAART - REAL BETIS

Football Leaks ha scoperto una delle clausole contrattuali più curiose di questi ultimi anni. Quando nel 2015 l'ex Real Madrid e Tottenham Rafael van der Vaart ha firmato per il Betis, il club andaluso ha stabilito per contratto che l'olandese non avrebbe potuto giocare con le scarpe rosse (le sue preferite) a causa della rivalità cittadina con il Siviglia.
3 di 5© Lapresse / EFE
LA CLAUSOLA CONTRO LE SCARPE ROSSE DI RAFAEL VAN DER VAART - REAL BETIS Football Leaks ha scoperto una delle clausole contrattuali più curiose di questi ultimi anni. Quando nel 2015 l'ex Real Madrid e Tottenham Rafael van der Vaart ha firmato per il Betis, il club andaluso ha stabilito per contratto che l'olandese non avrebbe potuto giocare con le scarpe rosse (le sue preferite) a causa della rivalità cittadina con il Siviglia.
LE CLAUSOLE ANTI-SCANDALO (MILAN) E ANTI-ESPULSIONE (LIVERPOOL) PER MARIO BALOTELLI

Quando "Super Mario" ha firmato per il Milan, i rossoneri si vollero assicurare che l'attaccante si comportasse bene dentro e fuori del campo, decidendo così di inserire una clausola anti-scandalo nel suo contratto. Bandite acconciature eccentriche, messaggi controversi e tanti altri atteggiamenti considerati negativi. Ai tempi del Liverpool, invece, i "Reds" gli assegnarono da contratto un "premio" da 1 milione di sterline qualora non fosse stato espulso più di 3 volte per comportamento antisportivo nella stessa stagione
4 di 5© ANSA
LE CLAUSOLE ANTI-SCANDALO (MILAN) E ANTI-ESPULSIONE (LIVERPOOL) PER MARIO BALOTELLI Quando "Super Mario" ha firmato per il Milan, i rossoneri si vollero assicurare che l'attaccante si comportasse bene dentro e fuori del campo, decidendo così di inserire una clausola anti-scandalo nel suo contratto. Bandite acconciature eccentriche, messaggi controversi e tanti altri atteggiamenti considerati negativi. Ai tempi del Liverpool, invece, i "Reds" gli assegnarono da contratto un "premio" da 1 milione di sterline qualora non fosse stato espulso più di 3 volte per comportamento antisportivo nella stessa stagione
LA CLAUSOLA SULL'INGAGGIO DI ROMEO CASTELEN - VOLGA NISHNI

L'olandese Romeo Castelen stabilì nel suo contratto con i russi del Volga Nishni che avrebbe ricevuto il proprio stipendio per ogni singolo minuto trascorso in campo, e non mensilmente (o annualmente) come prevede la prassi
5 di 5© Getty Images
LA CLAUSOLA SULL'INGAGGIO DI ROMEO CASTELEN - VOLGA NISHNI L'olandese Romeo Castelen stabilì nel suo contratto con i russi del Volga Nishni che avrebbe ricevuto il proprio stipendio per ogni singolo minuto trascorso in campo, e non mensilmente (o annualmente) come prevede la prassi

Commenti