Figo e Puyol nuovi membri della Laureus World Sports Academy

Luis Figo e Carles Pujol entrano a far parte della Laureus World Sports Academy

MILANO, 11 dicembre 2015 –  Luis Figo e Carles Pujol sono i due nuovi membri della Laureus World Sports Academy. L’annuncio è stato dato a Madrid, dove i due campioni si sono recati per supportare il progetto “Young Athletes”, promosso fin dal 2008 da Laureus in collaborazione con Special Olympics Spain, al fine di portare speranza e conforto ai giovani disabili. L’iniziativa rientra nell’ambito delle attività promosse dalla Laureus Sport for Good Foundation, che usa la sport come strumento per migliorare le condizioni di vita di milioni di giovani in tutto il mondo.

Luis Figo, ex stella di Barcellona e Real Madrid, con un passato da numero 1 anche in Italia con la maglia dell’Inter,  ha dichiarato: «Per me è un grande onore far parte della Laureus World Sports Academy dopo essere stato per anni ambasciatore della Fondazione. Farò del mio meglio per aiutare chi ne ha più bisogno». Sulla stessa lunghezza d’onda anche Carles Pujol, che ha vinto, tra l’altro, tre Coppe dei Campioni con la maglia del Barcellona ed Europeo e Mondiale con la Nazionale spagnola: «Lo sport mi ha dato tanto nel corso della mia vita, essere qui oggi con i bambini del progetto “Young Athletes” dimostra come lo sport possa dare speranza. È un privilegio per me poter entrare nell’Academy al fianco di altre grandi leggende dello sport.»

A Madrid era presente anche Edwin Moses, Presidente della Laureus World Sports Academy, per nominare i due nuovi membri dell’Academy: «Luis e Carles rappresentano un importante valore aggiunto per la nostra squadra, è meraviglioso poter dar loro il nostro benvenuto. Sono sicuro che contribuiranno fattivamente nel diffondere i valori della Fondazione».

I nomi di Figo e Pujol si aggiungono a quelli delle altre 53 leggende dello sport che compongono la Laureus Academy. Tra queste, rimanendo in ambito prettamente calcistico, Bobby Charlton, Marcel Desailly e Cafu.

I fondi raccolti dalla Laureus Sport for Good Foundation finanziano progetti in tutto il mondo. Dalle attività con il surf promosse a Cape Town, a quelle sugli sci sui pendii delle Alpi austriache, Laureus veicola il messaggio di Nelson Mandela per cui lo sport non conosce confini e può essere la chiave del cambiamento. I progetti di Laureus, in particolare, usano lo sport per combattere, tra l’altro, il crimine giovanile, l’Hiv/Aids, la discriminazione e l’emarginazione sociale.

Commenti