GF Vip, Fausto Leali squalificato per parole razziste sul fratello di Balotelli

Il cantante ha fatto parlare di sé con le sue uscite infelici all'interno della casa. Immediata la risposta di Enock che lo ha perdonato

ROMA - Fausto Leali è stato squalificato dal Grande Fratello Vip. In questi giorni nella casa più seguita d'Italia era scoppiata la polemica proprio intorno al cantante, reo di aver utilizzato parole razziste, che è stato allontanato dal programma.  Leali si è imbattuto in una discussione con Enock Barwuah, fratello di Mario Balotelli. Il cantante si era rivolto a lui chiamandolo "negro" spiegando che: "Nero è un colore, negro è la razza". L'ex calciatore ha poi risposto: "Da casa ci guardano, non deve passare questa cosa". Non sono servite le giustificazioni del cantante, che si è appellato alla sua vecchia hit "Angeli Negri per sfuggire sia alla polemica che all'imminente eliminazione. Enock, comunque, non se l'è presa e, anzi, ha deciso di perdonare subito il cantante dando dimostrazione di grande carattere.

Non è la prima volta che Fausto Leali fa parlare di sé all'interno della casa. Già nei giorni scorsi una dichiarazione del cantante aveva generato una polemica. Leali, infatti, aveva elogiato il ventennio fascista e, parlando nel giardino con gli altri concorrenti, aveva affermato che: "Mussolini, ad esempio aveva fatto delle cose per l'umanità, le pensioni, ma poi è andato con Hitler. Il quale nella storia era un suo fan". Una frase che aveva colto di sorpresa la regia che ha provato a staccare immediatamente su un'altra inquadratura. Le immagini, ma soprattutto le parole, non sono sfuggite ai più che hanno attaccato il cantante, ma sui social molti hanno anche cercato di difenderlo rivendicando il diritto di parola e di espressione.

Commenti