“Bea a Colori”: oltre 250mila euro raccolti in ricordo della tifosa della Roma

L’associazione, ispirata dalla giovane Beatrice Coletta, ha presentato i progetti per il 2024. In tre anni di attività raccolti oltre 250mila euro
“Bea a Colori”: oltre 250mila euro raccolti in ricordo della tifosa della Roma
3 min

Un risultato straordinario, ottenuto in soli tre anni di attività. L'associazione no profit "Bea a Colori" ha celebrato ieri, nella cena benefica organizzata a Roma, la raccolta fondi a favore della ricerca medica, in particolare cardiovascolare. “Bea a Colori” è nata nel 2020 per volontà di Lucia Salciccioli e Lino Coletta, genitori di Beatrice, tifosissima della Roma scomparsa improvvisamente a 19 anni per un arresto cardiaco. Scopo dell’associazione è sostenere e promuovere attività di utilità sociale, socioassistenziali, sociosanitarie e sanitarie, attraverso progetti di supporto ai ragazzi, alle famiglie e alla ricerca scientifica. Ispirata dalla passione e della gioia di vivere che Beatrice manifestava in ogni momento della sua vita – dalla musica, alla cucina, al tifo per i giallorossi - l’associazione porta avanti con lo stesso entusiasmo una serie di progetti rivolti a migliorare la qualità della vita dei bambini e ragazzi affetti da malattie cardiovascolari e a sostenere nel miglior modo possibile le loro famiglie.

In tre anni “Bea a Colori” ha raccolto oltre 250mila euro, dando un contributo fondamentale alla ricerca cardiologica e al supporto psicologico dei pazienti. Per il 2024 gli obiettivi sono ancora più ambiziosi: tra questi, una nuova borsa di ricerca inerente all’uso del pupillometro in età pediatrica, che vedrà coinvolta la Pediatria dell’Emergenza e l’Area Rossa dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù; uno strumento importantissimo per valutare la condizione neurologica dei pazienti.Previsto inoltre il sostegno al reparto di Cardiologia dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, mediante l’acquisto di strumentazione del valore complessivo di 20mila euro. Proseguirà, infine, il progetto “Notti Stellate”, nato per dare un sostegno logistico ai giovani pazienti e alle loro famiglie.

“Nel 2023 abbiamo concluso con soddisfazione la borsa di ricerca cardiologica e rinnovato la borsa di ricerca psicologica. Abbiamo dato vita ad i nuovi progetti legati con i Corsi di Primo Soccorso e le sedute sospese. Gli obiettivi 2024 sono per noi sfidanti, ambiziosi e concreti. Bea ci ha insegnato a vivere la vita a colori e noi questi colori vogliamo condividerli con chi ne ha bisogno”, spiegano Lucia e Lino. Tra le aziende che hanno sposato il progetto “Bea a Colori”, AGN/Novomatic, Alfa Elevatori, Cocif, Codere Italia, Cristaltec, Fedeso, Floriana, SKS365. Per sostenere l’Associazione “Bea a Colori” è possibile effettuare una donazione attraverso il sito web della onlus.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti