Corriere dello Sport

Altri Sport

Vedi Tutte
Altri Sport

Red Bull Cliff Diving, Hunt domina ancora

Nella seconda tappa della World Series 2015, andata in scena in Francia a La Rochelle, l'inglese ha concesso il bis. Alle sue spalle il connazionale Aldrige con il colombiano Duque terzo. Paura per l'amicano LoBue che ha picchiato la testa sul trampolino durante uno dei suoi salti. Pubblico da record: 75.000 spettatori!

 Andrea Ramazzotti

martedì 19 maggio 2015 02:39

MILANO - Ancora Gary Hunt! A La Rochelle nella seconda tappa stagionale delle Red Bull Cliff Diving World Series 2015, l’inglese è salito di nuovo sul gradino più alto del podio. Alle sue spalle il britannico Blake Aldridge, con il suo nuovissimo tuffo, e Orlando Duque che ha bissato il terzo posto già ottenuto nella precedente tappa in Colombia. Questi tre atleti adesso guidano la classifica generale dopo le prime due tappa delle otto in programma.

CHE NUMERI - Una folla record composta da 75.000 spettatori ha assistito alla competizione, acclamando i 13 migliori tuffatori al mondo di cliff diving. Gli atleti hanno eseguito le loro performance dalla piattaforma posta a 27,5 metri di altezza sulla torre di Saint Nicolas e hanno raggiunto la velocità di 85 km orari in soli tre secondi di caduta libera. La tappa di domenica ha segnato il ritorno delle World Series in Europa e ha confermato che La Rochelle è una delle località preferite dai tuffatori. La cittadina, nota come “piccola scogliera”, è stata nello scorso week end il centro nevralgico del cliff diving mondiale.

LA GARA - Gary Hunt, con un punteggio di 516.00, ha ottenuto un’incredibile vittoria e ha preceduto di pochi punti gli altri concorrenti. Al secondo posto Aldridge, che ha realizzato per la prima volta un nuovissimo tuffo -doppio salto mortale all’indietro con cinque avvitamenti - “confezionando” l'immersione più difficile mai eseguita fin’ora, con un grado di difficoltà di 6,3. Il gesto tecnico, eseguito in maniera eccelsa, aveva tutte le carte in regola per portare alla vittoria l’ex campione olimpico. Gli “8” assegnati dai giudici hanno garantito a Blake un ottimo punteggio (460.35 punti) che gli ha permesso di unirsi a Hunt e di centrare una doppietta inglese mai vista prima nelle World Series. Orlando Duque (456.20 punti) si è invece aggiudicato il terzo posto per la seconda volta consecutiva. Deluso invece Artem Silchenko, primo posto a La Rochelle nel 2013. Delusione, ma allo stesso tempo sollievo, per l’americano Steven LoBue che ha battuto la testa sul bordo del trampolino durante il secondo round nell’esecuzione dell’avvitamento durante il triplo quad. LoBue è in qualche modo riuscito a mantenere la concentrazione e a terminare il salto, ma riportando un profondo taglio sotto all’occhio sinistro. La prossima tappa si svolgerà in Texas tra meno di due settimane. Il pubblico italiano potrà ammirare i fuoriclasse del cliff diving il 13 settembre a Polignano a Mare, splendida località della Puglia.

DICHIARAZIONI - Gary Hunt non ha nascosto la sua felicità: “E’ incredibile, è l’inizio di stagione che ho sempre desiderato, e farlo qui La Rochelle... lo rende ancora più speciale! Eravamo tutti nervosi nel pensare come sarebbe andata, ma per me è andato tutto benissimo: condizioni perfette, la folla fantastica e l’acqua neanche troppo fredda! E’ fantastico essere sul podio insieme a Blake, non era mai successo prima e ne sono davvero felice”. Il connazionale Blake Aldridge ha confermato: “Anche io sono felicissimo. Il mio inizio settimana non è stato dei migliori e non mi sentivo al massimo della forma, ma per fortuna ho fatto dei buoni tuffi e ho conquistato il secondo posto. Ho dei bellissimi ricordi di questo posto: è qui che ho imparato a tuffarmi e sempre qui ho raggiunto per la prima volta il podio. Il pubblico è meraviglioso, è sempre un piacere tornare a La Rochelle. Peccato solo che Gary si piazzi sempre prima… di me, ma non è detto che le cose non possano cambiare”.

RISULTATI - Ecco i risultati seconda tappa a La Rochelle
1. Gary Hunt | UK | 516.00 punti
2. Blake Aldridge | UK | 460.35
3. Orlando Duque | COL | 456.20
4. Jonathan Paredes | MEX | 447.55
5. David Colturi | USA | 432.50
6. Michal Navratil | CZE | 377.30
7. Kris Kolanus (wildcard) | POL | 367.70
8. Anatoliy Shabotenko (wildcard) | UKR | 356.70
9. Andy Jones | USA | 284.90
10. Cyrille Oumedjkane (wildcard) | FRA | 257.70
11. Jucelino Junior | BRA | 245.10
12. Artem Silchenko | RUS | 230.40
13. Steven LoBue | USA | 198.40

Per Approfondire