Torna il Venator Kingdom 2 a Milano

Sabato 16 al teatro Principe, storico tempio della boxe milanese, evento da non perdere per gli appassionati della disciplina delle arti marziali miste.
Andrea Ramazzotti

MILANO - Dopo il sold out dello scorso 14 ottobre, il 16 dicembre tornerà al Teatro Principe di Milano il più grande show europeo di MMA, il Venator Kingdom 2, la notte delle stelle del combattimento. Presentato da Alex Dandi, il più grande cronista di arti marziali miste in Italia, il Venator Fighting Championship è senza ombra di dubbio la più importante organizzazione italiana del settore delle “mixed martial arts” ed è già considerata dalla stampa internazionale come una delle più grandi ed influenti promotion europee. Da qualche giorno sta salendo la febbre per l’attesa di un evento sportivo assolutamente sentito, una disciplina che in Italia è per certi versi ancora di nicchia, ma che sta iniziando a ritagliarsi uno spazio importante tra gli sportivi come già successo in altri paesi nel mondo, in cui è diffusissima e popolarissima. Si tratta di uno sport da combattimento a contatto che implica l’utilizzo di diverse tecniche insieme e che avviene all’interno di gabbie: intensità e spettacolo sono garantiti. Nati da un’idea dell’imprenditore Frank Merenda e del telecronista Alex Dandi, gli eventi Venator sono indubbiamente i più divertenti visibili dal vivo in Italia. È un dato di fatto che molti, per non dire tutti, i migliori match degli ultimi anni in Italia si sono tenuti in Venator e anche questa volta gli organizzatori hanno deciso di offrire lo stesso livello di qualità in una location molto più piccola e curata nella quale sarà possibile anche vivere una serata all’insegna della musica e del ballo. Sarà presente anche un merchandising tematico in edizione limitatissima per i più fortunati. Ecco perché Venator Kingdom sarà un evento unico “limited edition”, così unico che ad oggi non ve ne sono altri in programma.

NEL TEMPIO DELLA BOX - Per la prima volta le Mixed Martial Arts entrano in uno deI templi del pugilato italiano. Il Teatro Principe nel centro di Milano è infatti luogo per eccellenza della boxe italiana, tanto che già nel 1969 il regista Luchino Visconti vi girò il classico “Rocco e i suoi fratelli”. Dopo aver chiuso per diversi anni, è stato ristrutturato ed ha riaperto divenendo in breve un luogo di culto anche grazie ad una programmazione di alto livello che ha visto protagonista anche Paul Malignaggi (sì quello della diatriba con McGregor!) nel 2015. Non un posto qualsiasi insomma dove le MMA mettono piede grazie a Venator. In questo senso è un avvenimento storico. Considerando anche che il Principe può ospitare un massimo di 562 persone è evidente che lo spettacolo sarà godibile, come mai prima d’ora, da ogni posizione…in pratica da spettatori si proverà l’adrenalina di essere nella gabbia ottagonale senza prendere le botte! Non è un segreto che Venator abbia fatto grandi cose e si sia fatto conoscere a livello internazionale ma non è nemmeno un segreto che sia incredibilmente difficile organizzare eventi di alto livello tecnico rientrando delle spese. Avere ospiti atleti internazionali, un arbitro internazionale, atleti italiani top, location di prestigio ed una organizzazione certosina con staff altamente qualificato ha un costo elevato per una promotion totalmente indipendente. E’ dunque chiaro che ogni evento Venator potrebbe essere l’ultimo…o forse no, ma questa è la realtà.

Commenti