Corriere dello Sport

Altri Sport

Vedi Tutte
Altri Sport

Trofeo Peter Pan, al via la quindicesima edizione

Trofeo Peter Pan, al via la quindicesima edizione

I contributi messi a disposizione da tutte le scuole partecipanti saranno interamente devoluti in beneficenza in favore dell’Associazione Peter Pan Onlus.

 

sabato 17 marzo 2018 13:06

ROMA - È tutto pronto per dare il via alla quindicesima edizione del “Trofeo Peter Pan”, organizzato dalla “Scuola Judo Tomita” e dall’Associazione Sportiva “Adriana” che vedrà circa 300 piccoli judoka di tutta Italia combattere a sostegno dei loro amici meno fortunati. La competizione sportiva si fa veicolo di solidarietà e l’obiettivo diventa ancora una volta combattere per chi lotta, in linea con il motto delle edizioni precedenti.

è fissato per domenica 18 marzo a partire dalle 8.30 l’appuntamento con la manifestazione sportiva “Trofeo Peter Pan” alla sua quindicesima edizione, ospite del PalaLuiss che ha concesso gratuitamente i suoi spazi. Provenienti da diciotto società di judo di tutta Italia, circa
300 piccoli judoka di età compresa tra i 5 e i 12 anni parteciperanno a quello che ormai è diventato un incontro immancabile della Capitale, patrocinato dal Comune di Roma e dalla Regione Lazio.
Come ogni anno lo spirito dell’evento ha poco a che fare con l’agonismo e molto con la solidarietà: i giovani partecipanti infatti si batteranno per aiutare i loro amici meno fortunati, i piccoli malati di cancro che lottano quotidianamente per la propria vita. Si tratta nello specifico di quei bambini che, con le loro famiglie, soggiornano nelle case dell’Associazione Peter Pan Onlus, che offre loro gratuitamente accoglienza e assistenza, durante la permanenza nella Capitale per le cure negli Ospedali Bambino Gesù e Policlinico Umberto I.
Il fine della manifestazione è proprio quello di favorire una cultura della solidarietà che trovi nello sport un canale in grado di alimentare nei bambini i principi sani che tutti gli sport dovrebbero veicolare, ma che spesso, oggi, cedono il passo all’agonismo esasperato. Amicizia e stima, passione e impegno, lealtà e rispetto per il prossimo: questa è la via da percorrere che deve passare necessariamente per il buon esempio. Questa è l’idea di sport, l’essenza stessa della disciplina del judoka, secondo Fabio La Malfa e Alessandro Possagno, instancabili organizzatori dell’iniziativa.

I contributi messi a disposizione da tutte le scuole partecipanti saranno interamente devoluti in beneficenza in favore dell’Associazione Peter Pan Onlus.

Articoli correlati

Commenti