ANIF: "No al passaporto vaccinale per andare in palestra"

Il Presidente Duregon: «I nostri associati hanno recepito tutto il possibile per lavorare in sicurezza. Non possiamo aspettare che tutta la popolazione sia vaccinata, chiuderemmo tutti. Piuttosto siamo a disposizione per diventare presidi dove effettuarlo»
ANIF: "No al passaporto vaccinale per andare in palestra"© ANSA

«No, grazie». Difficile essere più chiari di così. Giampaolo Duregon, Presidente di ANIF, l’Associazione che rappresenta i circoli sportivi italiani non lascia spazio ai dubbi in merito alla proposta-idea di consentire l’accesso alle proprie strutture solamente con il cosiddetto Passaporto Vaccinale, cioè ai soggetti già sottoposti a vaccino anti-Covid.
Le palestre, le piscine e tutti i luoghi di sport hanno, già da maggio, adeguato le strutture ai rigidi protocolli emanati dal Ministero dello Sport proprio per assicurare a tutti i frequentatori la massima sicurezza sanitaria. Il livello di contaminazione registrato nei centri sportivi è risultato effettivamente molto basso (al di sotto dell’1 per mille). Senza dimenticare che l’attività fisica occupa una posizione di preminenza nella prevenzione delle malattie metaboliche in generale e quindi al potenziamento delle difese immunitarie.
Dati oggettivi che non avrebbero bisogno di ulteriori restrizioni: «Le Istituzioni - spiega Duregon - dovrebbero invece spronare i cittadini verso la pratica sportiva, soprattutto se assistita all’interno di strutture con tecnici qualificati, a prescindere dal passaporto sanitario».
Senza contare un trascurabile dettaglio.  «Occorre anche considerare che il processo di vaccinazione, partito a rilento, raggiungerà gran parte della popolazione non prima della fine dell’anno, quando cioè molti centri sportivi saranno inesorabilmente costretti a chiudere definitivamente i battenti».
Quella di ANIF e di Duregon non è comunque un’opposizione al vaccino anti-Covid: «Sia chiaro, la vaccinazione è importante e fondamentale per uscire una volta per tutte dal tunnel della pandemia... ben venga, dunque, purché non rappresenti una conditio sine qua non per accedere ai circoli sportivi! Anzi, aggiungo che i 100mila centri sportivi italiani potrebbero addirittura essere messi a supporto del Sistema Sanitario Nazionale, trasformandosi anche in presidi dove poter erogare il vaccino».

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti