Corriere dello Sport

Atletica

Vedi Tutte
Atletica

Schwazer: «Spero che tutto si risolva anche per Carolina»

© ANSA

Intervenendo alla trasmissione "Sport 2000", Alex ha parlato di Carolina: «Mi spiace per lei, spero che questa vicenda finisca in modo positivo per lei. Deve essere ricordata per ciò che ha vinto, non per il mio doping»

 

mercoledì 29 aprile 2015 17:43

ROMA - Alex Schwazer, ospite sere fa in diretta a Sport 2000, il programma sportivo condotto da Giampiero Spirito, ha dichiarato: «Chi è contro il progetto mio e di Sandro Donati è contro di me. Io ho sbagliato, ma a qualcuno non piacciono per niente questi ultimi chiarimenti alla Magistratura e al Coni. Il mio rientro desta comunque polemica. Al Coni volevano ulteriori chiarimenti e penso di essere stato disponibile. Nel 2010, al tempo della mia frequentazione con il medico Michele Ferrari pensavo che nessuno lo sapesse: leggendo gli atti della Procura di Bolzano ho scoperto che tutti erano al corrente. Mai però sono stato convocato a Roma dalla Federazione per un chiarimento, mai qualcuno mi ha fatto delle domande, anzi l’anno dopo avevo intenzione di partecipare a un raduno con lui alle Canarie e nessuno mi ha detto niente. Ero forte e faceva comodo a tutti; più andavo avanti nella mia carriera, e più sono stato lasciato fare».
Ha avuto la sensazione che l’importante fosse il risultato finale, ‘fai come vuoi, portaci la medaglia’?

«Sì, se un’atleta andava bene, andava bene a tutti, se andava male, si cercava di essere ben distanti, per poter dire: è uno che andava per conto suo, era uno che si allenava in Germania da solo. Nel mio caso è successo così. Donati mi ha fatto riflettere su come l’atleta venga anche usato».
 
Si aspetta uno sconto di pena importante, che le consenta di andare alle Olimpiadi?
«Non lo posso dire. In questi tre anni a livello di squalifiche nessuno è stato tenero con me perché quando si poteva chiedere il massimo, è sempre stato chiesto, più o meno. Adesso abbiamo creato la base per lavorare insieme al meglio. Questa è la prima cosa importante per poi fare delle ottime prestazioni perché nessuno mi può togliere il diritto di tornare in gara. L’Olimpiade poi è un’altra cosa, però io posso tornare in gara. La mia prestazione in una gara se è di rilievo, è di rilievo perché c’è un tempo. Questo è il secondo passo, poi se tutto andrà bene, può esserci l’Olimpiade. Bisogna essere sempre realisti: io non gareggio da tre anni e penso da atleta vedremo quello che si può fare, giorno per giorno. Non posso pensare adesso alle Olimpiadi, devo pensare a piccole gare».
 
A specifica domanda su Carolina Kostner, la sua ex fidanzata, ha risposto: «Tutto nasce dal mio sbaglio, indubbiamente. È stata anche uno dei punti perché con il mio doping sono scoppiato. Adesso mi rendo conto che ho messo anche lei in pericolo, mentre allora non lo pensavo. Allora pensavo: “Vado via da tutto per doparmi”, e non pensavo a lei. Io ho reagito in maniera sbagliata in quel momento. Nessuno può mettere in discussione la sua carriera sportiva. Spero che adesso questa vicenda finisca per lei in modo positivo e che non se ne parli più perché lei è un’atleta che ha vinto il Mondiale, deve essere ricordata per questo, non per questa vicenda».

Per Approfondire