Corriere dello Sport

Atletica

Vedi Tutte
Atletica

Atletica, Tamberi campione mondo nel salto in alto indoor

Atletica, Tamberi campione mondo nel salto in alto indoor
© AP

L'atleta azzurro fa l'impresa vincendo con la misura di 2,36 metri la gara iridata a Portland, negli Stati Uniti. Renzi si complimenta: «Facciamogli i complimenti. Orgoglio per l'Italia»

Sullo stesso argomento

 

domenica 20 marzo 2016 11:25

ROMA - Impresa di Gianmarco Tamberi: l'atleta azzurro si è laureato campione del mondo di salto in alto indoor vincendo con la misura di 2,36 metri la gara iridata a Portland, negli Stati Uniti. «Dopo il salto a 2,33 - ha aggiunto Tamberi - ho capito che avrei potuto fare di più». Nottata indimenticabile per l'atletica italiana. Gianmarco Tamberi è il sesto azzurro a fregiarsi del titolo di campione del mondo indoor nella ultratrentennale storia della manifestazione, quindici anni dopo l'ultima volta (a Lisbona 2001 Paolo Camossi fu oro nel triplo). Il marchigiano vince il salto in alto con 2,36 (quota superata al primo tentativo), al termine di una gara tutta di rincorsa, condizionata in avvio dagli errori sulle misure più basse. L'argento va al britannico Grabarz (2,33), il bronzo allo statunitense Kynard (stessa misura). Marco Fassinotti è nono con 2,25.

TUTTO SUGLI ALTRI SPORT - CORSPORT TV



LA GIOIA DI TAMBERI - Avvolto nel tricolore, passa da una stazione tv all'altra, raccontando la meraviglia del suo oro nel salto in alto ai Mondiali Indoor di Portland (USA). Gianmarco Tamberi è perfettamente calato nella parte, tutto sembra riuscirgli in maniera perfetta. E non solo in pedana. "È una bella sensazione - ride l'azzurro - vincere così, quando riesci a tirare fuori la grinta, la rabbia, a trascinare il pubblico, è ancora più bello. Un po' come mi era sucesso a Trinec quest'anno (tappa del Moravia Tour vinta con 2,33, ndr), davvero bellissimo. Cosa è successo all'inizio in pedana? Avevo un po' di difficoltà, anche se in precedenza, nel riscaldamento, le cose erano andate bene. Riuscivo a correre correttamente la curva, ero a posto, rilassato, tranquillo. Poi, appena in gara ho cominciato a spingere quattro volte più di prima, e la rincorsa si è sballata completamente. Considera che sono dovuto andare più indietro di un metro e mezzo, una cosa assurda. Allo stacco poi mi trovavo sempre sotto, non riuscivo a entrare nel salto come voglio io. Quando è scattato qualcosa? Alla terza prova a 2,33. Quando ho fatto quel salto, che tecnicamente parlando era davvero...osceno, ricco com'era di rabbia, adrenalina, cattiveria, ho capito che se avessi fatto qualcosina meglio sarei riuscito a superare i 2,36. E sapecvo che sarebbe valso l'oro. Poi, quando ho visto che tutti stavano sbagliando, ho capito che ce era arrivata la mia chance. Mi ha aiutato l'esperienza, i tanti anni diffcili, il supporto del pubblico, e sono riuscito ad andare di là".

SOGNO RIO - Per Tamberi ora inizia una nuova vita ma lui non vuole pensarci: "Quello che sta dietro alla prestazione, l'allenamento, il campo, tutto deve restare uguale, perché io punto a Rio, come ho sempre detto. Questi sono tutti step di preparazione, il mio unico obiettivo è l'Olimpiade: ho fatto cinque gare quest'inverno, le ho vinte tutte, l'ultima era questa, la più difficile. E' un percorso che porta ai Giochi olimpici. Rio? Non lo so cosa succederà - ride - ho un sogno enorme, salire su quel podio. Per me significherebbe tantissimo. Lo dico sempre, lo ripeto anche qui, a me non piace arrivare secondo. Il regalo più bello per la festa del papà al tuo babbo-coach Marco. Non gli ho fatto apposta gli auguri da stamattina, volevo farglieli in serata, portando questo regalo. Lo voglio condividere con lui, la mia ragazza, i miei amici, che forse sto un po' trascurando in questo periodo, ma quando si ha un obiettivo così grande, forse è anche normale che succeda. Oggi voglio condividere con tutti loro questo mio risultato. Ora si festeggia, poi si riparte, per l'obiettivo più grande".

I COMPLIMENTI DI RENZI - "E intanto facciamo i complimenti a Gianmarco Tamberi che ha fatto capolavoro stanotte a Portland #orgoglioItalia. Due e trentasei, oro!". È il messaggio con cui il presidente del consiglio Matteo Renzi festeggia su Twitter la vittoria del campionato del mondo di salto in alto indoor da parte dell'atleta italiano.

Articoli correlati

Commenti