Corriere dello Sport

Bocce

Vedi Tutte
Bocce

Raffa. Varese e L'Aquila si spartiscono i punti

Raffa. Varese e L'Aquila si spartiscono i punti

Finisce in parità il match di alta classifica. L'Alto Verbano, a tre giornate dal termine, fa un pensierino allo scudetto

 

lunedì 11 aprile 2016 14:42

Nella giornata delle vittorie in trasferta (reali, o potenziali per lunghi tratti), sono due i pareggi finali che segnano il cammino nel campionato 2015-2016 della raffa. Il primo, vibrante, nervoso, tirato, combattuto in campo e psicologicamente un pizzico anche fuori, prima e dopo, è un mattoncino in più nella costruzione dell’edificio scudetto per l’Alto Verbano. 1-1 preziosissimo contro la diretta rivale abruzzese, L’Aquila, che a far suo l’incontro ci ha provato in tutti i modi. Nel bocciodromo di San Cassano, sede di gioco dei varesini, che quest’anno festeggeranno i loro primi quindici anni di storia, fa caldo. Letteralmente, non solo per la tensione, la temperatura nell’impianto gremito è davvero alta. I giocatori sono concentratissimi, le panchine accigliate, tutto appare pronto per un grande match, come in effetti sarà. Le sfumature, i dettagli, gli errori e i rimpalli imprevisti faranno alla fine la differenza, determinando il pareggio ultimo come spesso accade in situazioni analoghe. Poteva vincere una o l’altra, con ogni probabilità, a seconda dei momenti del match e nessuno avrebbe “rubato” nulla, ma alla fine un pareggio pare il risultato più giusto per quanto si è visto in campo, a prescindere dalle recriminazioni di ciascuno. E quello era uno dei due risultati utili alla compagine lombarda per mantenere, al minimo, un distacco invariato dagli aquilani, quando al termine della stagione mancano soltanto tre giornate. Tutte insidiose, per carità, ma passare indenni in un altro scontro diretto, dopo aver battuto Boville all’epoca lanciata per il bis tricolore, non è stato affatto male per gli uomini della famiglia Basile.

Paolo, l’allenatore, mette in campo la formazione ormai definibile come “tipo”, sin dall’inizio: Andreani-Signorini-Chiappella in terna e D’Alterio (nella foto) nell’individuale. Tarquini rinuncia invece al rientrante ma poco allenato Savoretti, e nella terna schiera Agostini-Benedetti-Casinelli. A competere da solo, manco a dirlo, Formicone. Quest’ultimo, determinatissimo, accarezza a un certo punto la possibilità di vincere tutti e due i set, partendo alla grande, ma alla fine ne porta a casa soltanto uno. Sa quasi d’impresa il primo ottenuto dal campano con una giocata spettacolare conclusiva e in rimonta. Nella terna il discorso è simile, ma L’Aquila vince il primo e perde nel secondo. 2-2 nei set o 0 a 0 nel risultato, se preferite. Al rientro in campo l’atmosfera è sempre la stessa, la temperatura invece ancora più calda, se possibile. L’Aquila gioca il jolly e nella coppia, insieme a Formicone, getta nella mischia Savoretti, provando anche psicologicamente a dare una sterzata al match. Risponde come da copione l’Alto Verbano con D’Alterio e Andreani. Nell’altro campo sono Agostini con Benedetti a vedersela contro Signorini e Chiappella. Il bocciatore marchigiano in forza agli abruzzesi inizia titubante, e non potrebbe essere forse diversamente, considerata la scarsa preparazione su cui può contare. Con il tempo però cresce. Formicone regge la baracca quando deve, si cambia di ruolo anche con il suo compagno zoppicante, se necessario. Agostini e Benedetti di là battagliano nel primo set e arrivano quasi a conquistarlo, ma poi lo perdono nel tiro finale e per un solo punto di differenza. Nel secondo al contrario non riescono a reggere più il ritmo di Chiappella e Signorini, ancora una volta ispirati sulle corsie amiche. Il romano sbaglia troppe bocciate e Agostini in accosto non è puntuale come il suo diretto avversario. I due set (storici?) che valgono quanto meno il pareggio arrivano proprio da questa corsia di gioco. Nell’altro, il secondo con un rimpallo conclusivo fortunato, accade il contrario, e L’Aquila passa in tutti e due i set, definendo di fatto il pareggio conclusivo. Pochi sorrisi da una parte e dall’altra, ma tant’è.

Nel resto della giornata, Boville Marino pareggia in casa contro la Fashion Cattel e mantiene il terzo posto, insidiato tuttavia dalla CVM Utensiltecnica, corsara sui campi di Sarno (per gran parte del campionato inviolabili) del Centro Riabilitazione Lars. Anche la Rinascita passa a Montecatini, inguaiando l’AVIS nuovamente in fondo alla classifica. Al contrario l’Ancona 2000 surclassa in trasferta il Montegranaro nel derby regionale, ritornando a respirare tre gradini più su proprio dei toscani. I prossimi turni perciò… ancora tutti da vedere.

Serie A (15a giornata)

Alto Verbano – L’Aquila 1-1 (44-51)

Signorini-Andreani-Chiappella – Benedetti-Agostini-Casinelli 3-8, 8-2, D’Alterio – Formicone 8-6, 0-8, Signorini-Chiappella – Benedetti-Agostini 8-7, 8-4, D’Alterio-Andreani – Formicone-Savoretti 4-8, 5-8. Direttore Francesco Giacoma di Legnano.

Boville Marino – Fashion Cattel 1-1 (49-43)

Nanni-Palma-Facciolo – D’Alterio-Bonifacci-Pappacena 4-8, 8-3, Di Nicola – Manuelli 1-8, 6-8, Palma-Di Nicola – D’Alterio-Pappacena 8-6, 8-1, Facciolo-Nanni – Manuelli-Zovadelli 6-8, 8-1. Giuseppe Colangeli di Rieti.

Cen. Riab. Lars – CVM Utensiltecnica 0-1 (45-51)

Pappacena Marco-La Marca Michele-La Marca Ferdinando – Ferragina-Monaldi-Miloro 4-8, 7-8, Pappacena Francesco – Rosati 8-6, 2-8, Pappacena Francesco-La Marca Michele – Miloro-Monaldi 8-3, 2-8, Pappacena Marco-La Marca Ferdinando – Paolucci-Rosati 8-2, 6-8. Direttore Antonio Dello Iacovo di Caserta.

Montecatini AVIS – G.S. Rinascita 0-1 (44-48)

Lorenzini-Bassi-Matalucci – Paleari-Bartoli-Stia 5-8, 8-2, Bagnoli – Provenzano 0-8, 7-8, Bassi-Matalucci – Paleari-Stia 5-8, 8-2, Lorenzini-Bagnoli – Bartoli-Provenzano 8-4, 3-8. Direttore Ottavio Pederzini di Bologna.

Montegranaro – Ancona 2000 0-3 (44-63)

Angrilli-Ombrosi-Santone – Cappellacci-Iacucci-Marinelli 7-8, 7-8, Dari – Patregnani 7-8, 2-8, Ombrosi-Santone – Iacucci-Marinelli 8-7, 7-8, Dari-Renzi – Cappellacci-Patregnani 0-8, 6-8. Direttore Domenico Di Natale di Pescara.

Classifica: Alto Verbano 33, L’Aquila 31, Boville 26, Cvm Utensiltecnica 25, Montegranaro 21, Centro Riabilitazione Lars 16, Fashion Cattel e Rinascita 15, Ancona 2000 13, Montecatini Avis 10)

SERIE B RAFFA

Girone Centro Nord (11a giornata)

A.P.E.R. Capocavallo – S. Erminio Umbrò 3-1 (54-24)

Gori-Maccarelli-Battistoni – Poggianti-Dominici-Castrini 8-0, 8-1, Santucci – Tomao 8-7, 8-0, Gori (2° set Brutti)-Maccarelli (2° set Battistoni) – Poggianti-Dominici 8-0, 8-0, Fanali-Santucci – Tomao-Mungiello 0-8, 6-8. Direttore Paolo Castellari di Perugia.

Cofer Metal Marche – Europlak Mosciano 1-3 (44-54)

Ascani-Zeni-Magnarelli – Di Domenico-Ciprietti-Falà 5-8, 7-8, Magnaterra M. – Mattioli 8-4, 8-2, Ascani (2° set Zeni)-Mencucci (2° set Magnarelli) – Ciprietti-Falà 2-8, 5-8, Magnaterra M.-Magnaterra G. – Di Domenico-Mattioli 7-8, 2-8. Direttore Giovanni Emili di Pesaro-Urbino.

Framasil Pineto – Vallefoglia 3-1 (59-34)

Adorante-Di Nicola-Calvarese – Giovanelli (1° set Marini)-Paganelli-Simonazzi 8-1, 8-0, Marrancone – Porrozzi 8-4, 8-5, Di Nicola-Calvarese (2° set Di Sante) – Paganelli-Marini 8-3, 8-5, Adorante (2° set Covone)-Marrancone – Porrozzi-Carbonari 4-8, 7-8. Direttore Luigi Emiliani di Macerata.

MP Filtri Caccialanza – Montesanto 2-1 (55-36)

Luraghi M.-Viscusi-Luraghi P. – Petrelli S.-Gelosi-Micucci 8-4, 8-3, Paone – Petrelli L. 7-8, 2-8, Luraghi P.-Viscusi – Petrelli S. (2° set Campanari)-Ascani 8-0, 8-3, Luraghi M.-Paone – Petrelli L.-Gelosi 8-2, 6-8. Direttore Claudio Angeretti di Bergamo.

Classifica: MP Filtri Caccialanza 28, A.P.E.R. Capocavallo 23, Framasil Pineto e Europlak Mosciano 14, Vallefoglia e S. Erminio Umbrò 13, Montesanto 10, Cofer Metal Marche 8.

Girone Centro Sud (11a giornata)

Arce Montegrande – Eretum Bocce 0-1 (43-52)

Casinelli-Giovannone (2° set Maugeri)-Izzizzari – Diomei-Natale A.-Nunziata Rega 2-8, 2-8, Barbieri – Lauri 5-8, 8-5, Giovannone-Izzizzari – Diomei-Nunziata Rega 8-7, 6-8, Casinelli-Barbieri – Natale A.-Lauri (2° set Odorico) 8-0, 4-8. Direttore Cosimo Iuliano di Benevento.

Sassari – Termosolar Cagliari 1-0 (55-47)

Sias-Dessolis-Perini – Brucciani-Cossu-Porcu 8-6, 5-8, Cordedda – Moi 3-8, 8-4, Sias-Perini – Brucciani-Cossu 8-7, 8-4, Cordedda-Dessolis – Moi-Carbonella 7-8, 8-2. Direttore Gianluca Lilliu di Cagliari.

Enrico Millo – Isia Global Service 2-0 (58-27)

Califano-Ferrara-Laudato – Scicchitano Francesco-Scicchitano Fabio-Piscitelli (2° set Zaffino) 8-0, 8-0, Scolletta – Scicchitano Giuseppe 8-1, 4-8, Laudato-Ferrara (2° set Santoriello) – Scicchitano Fabio-Zaffino 6-8, 8-7, Scolletta-Califano – Scicchitano Giuseppe-Piperis 8-2, 8-1. Direttore Francesco La Mura di Napoli.

Silcam Baiano Marmi – N.C.D.A. Capitino 2-1 (49-44)

Corrado-Scherillo (2° set Sarnataro B.)-Capasso – Mercurio-Greci-Casinelli 8-1, 5-8, Moccia – Mauro 8-2, 8-5, Corrado-Capasso – Greci-Casinelli 8-7, 8-5, Sarnataro B. (2° set Sarnataro C., 2° set Scherillo)-Moccia – Raponi-Mauro 2-8, 2-8. Direttore Salvatore Gallo di Caserta.

Classifica: Enrico Millo 24, Eretum Bocce 21, Isia Global Service 18, Termosolar Cagliari 16, Sassari 14, Silcam Baiano Marmi 12, N.C.D.A. Capitino 11, Arce Montegrande 7.

GARE NAZIONALI RAFFA

1° Trofeo Castelfranco Rosa – Giorgione3Villese (Treviso) – Direttore Sandro Sartori di Verona – 88 individualiste di categoria A-B-C – Classifica: 1° Germana Cantarini (Canottieri Bissolati, Crema), 2° Maria Pia Lombardi (Monastier, Treviso), 3° Loretta Springhetti (Val di Sole, Trento), 4° Matilde Torricelli (Parmeggiani, Bologna), 5° Linda Cristofori (Olimpia Conad, Reggio Emilio), 6° Nicole Brugnera (Rubierese, Reggio Emilia), 7° Eleonora Tomasi (Coccaglio, Brescia Franciacorta), 8° Stefania Peruzzo (Zelarino, Venezia). Punteggio della finale: 12-5.

3° Trofeo Mario Di Carlo – San Luca (Roma) – Direttore Gianpaolo Crescenzo di Rieti – 112 individualisti di categoria A – Classifica: 1° Andrea Cappellacci (Ancona 2000, Ancona), 2° Americo Diomei (Eretum Bocce, Roma), 3° Stefano Casinelli (Virtus L’Aquila, L’Aquila), 4° Alessio Proietti (Acquasparta, Terni), 5° Alfonso Nanni (Boville, Roma), 6° Gianluca Manuelli (Monastier, Treviso), 7° Simone Casinelli (Arce, Frosinone), 8° Luca Di Felice (Oriolo-Vejano, Viterbo). Punteggio della finale: 12-8.

3° Trofeo Mario Di Carlo – San Luca (Roma) – Direttore Gianpaolo Crescenzo di Rieti – 112 coppie di categoria B-C – Classifica: 1° Elia Di Bernardo Gagliardi-Davide Mastrogiorgio (Boville, Roma), 2° Celestino Borrini-Mario Coppola (Flaminio, Roma), 3° Marco Coluzzi-Ettore Benedetti (Leonardo da Vinci, Roma), 4° Massimo Foschi-Sergio Luciani (Czestochowa, Roma), 5° Aldo De Santis-Antonino Tommasi (San Luca, Roma), 6° Lorenzo Fedele-Luigi Giaccaglia (Flaminio, Roma), 7° Roberto Di Rienzo-Mauro Di Massimo (Guidonia Lauretana, Roma), 8° Riccardo Caperna-Roberto Crognaletti (Donato Boscherini, Roma). Punteggio della finale: 12-0.

49° Trofeo della Resistenza – Val D’Enza (Reggio Emilia) – Direttore Sandro Serafini di Reggio Emilia – 72 coppie di categoria A – Classifica: 1° Claudio Crotti-Giovanni Giuseppe Santoru (Vicentini, Reggio Emilia), 2° Daniel Tarantino-Christian Marzocchi (Rubierese, Reggio Emilia), 3° Dario Bracchi-Luca Viscusi (Caccialanza, Milano), 4° Gaetano Miloro-Davide Paolucci (Montegridolfo, Rimini), 5° Roberto Notari-Alberto Govoni (Vigasio, Verona), 6° Sovente Losi-Alberto Selogna (Tricolore, Reggio Emilia), 7° Renzo Tosca-Daniele Sacchetti (Tritium Bocce, Bergamo), 8° Roberto Zappi-Luca Bonazzi (T.R.E.M. Osteria Grande, Bologna). Punteggio della finale: 12-10.

49° Trofeo della Resistenza – Val D’Enza (Reggio Emilia) – Direttore Sandro Serafini di Reggio Emilia – 216 coppie di categoria B-C – Classifica: 1° Claudio Begni-Gilberto Rhon (Susellese, Verbania), 2° Franco Viani-Ercole Lodi (Rinascita Montecavolo, Reggio Emilia), 3° Antonio Garofalo-Walter Migliori (Sassolese, Modena), 4° Lorenzo Silvestri-Ferruccio Paolini (Montegranaro, Ascoli Piceno), 5° Sergio Zironi-Gabriele Testi (Benassi Due Torri, Bologna), 6° Rossano Pigmei-Enea Margini (Val D’Enza, Reggio Emilia), 7° Matteo Torricelli-Corrado Vacondio (Scandianese, Reggio Emilia), 8° Paolo Levrini-Vincenzo Li Pizzi (Felinese, Reggio Emilia). Punteggio della finale: 12-3.

Saranno famosi – Dei Cacciatori (Salerno) – Direttore Giovanni Grasso di Avellino – 24 individualisti di categoria L – Classifica: 1° Giuseppe Rispoli (San Gaetano, Salerno), 2° Francesco Del Grosso (Theate, Chieti), 3° Alessandro Esposito (San Gaetano, Salerno), 4° Antonio Manzo (Kenedy, Napoli). Punteggio della finale: 12-3.

Saranno famosi – Dei Cacciatori (Salerno) – Direttore Giovanni Grasso di Avellino – 24 individualisti di categoria R – Classifica: 1° Pasquale Sequino (Francesco Frezza, Napoli), 2° Emanuele Mallardo (Francesco Frezza, Napoli), 3° Gerardo D’Angelo (MCM, Salerno), 4° Francesco Ferrara (Amici Congrega S. Anna, Salerno). Punteggio della finale: 12-0.

Trofeo Elite del Mobile F.lli Sala – Mario Greppi (Milano) – Direttore Giovanni Scattini di Bergamo – 136 individualisti di categoria A-B – Classifica: 1° Giorgio Bramati (Alto Verbano, Varese), 2° Davide Mercadante (La Vigna, Milano), 3° Roberto Venturini (S. Andrea, Brescia), 4° Roberto Antonini (Alto Verbano, Varese), 5° Fabio Tansella (Sperone N., Milano), 6° Gianni Lo Presti (Oliveri L.E., Milano), 7° Alberto Pedrignani (Carpegnanica, Crema), 8° Attilio Cerati (Fulgor, Lecco). Punteggio della finale: 12-11.

34° Trofeo Fratelli Paolini – Umbertide (Perugia) – Direttore Giuseppe Colangeli di Rieti – 304 individualisti di categoria A-B – Classifica: 1° Stefano Maccarelli (A.P.E.R., Perugia), 2° Tiziano Dormentoni (Castelvieto, Perugia), 3° Luca Santucci (A.P.E.R., Perugia), 4° Luciano Mariani (Città di Bastia, Perugia), 5° Gianfranco Meriggioli (Clitunno, Perugia), 6° Marco Sodini (Ancora, Lucca), 7° Rodolfo Rosi (S. Angelo Montegrillo, Perugia), 8° Fabio Franceschini (Trevana, Perugia). Punteggio della finale: 12-6. 

COPPA ITALIA VOLO

Brb brinda anche nella prima giornata di Coppa Italia della massima categoria. La quadretta composta da Carlo Ballabene, Paolo Ballabene, Fabrizio Deregibus e Daniele Grosso, ha posto il sigillo sulla gara organizzata dalla canavesana Sangiorgese. In un contesto di 30 formazioni, il poker in rosso ha superato in finale La Perosina di Paolo Carrera, Alessandro Longo, Luca Melignano, Carlo Pastre con il punteggio di 9-3. Si sono arrese in semifinale la Nitri Contoz (Marco Adorno, Paolo Contoz, Luigi Cericola, Marco Hugonin) battuta 10-3 dalla Brb, e il Gaglianico (Luca Balla, Alessandro Ortolano, Massimo Massazza, Giuseppe Ressia) sconfitto 12-8 dalla Perosina. Ha diretto l'arbitro Alberto Ciocca.

SCUDETTI PETANQUE

La Taggese di Imperia ha passato il testimone alla Valle Maira di Cuneo in una bellissima finale, impreziosita dalla presenza del presidente federale Romolo Rizzoli,  ed è volata così in Europa a difendere i nostri colori nell’EuroCup 2016. In questa fase finale della serie A maschile si era vista una Taggese vittoriosa contro la Biarese di Cuneo nei play off e la salvezza dell’Auxilium di Saluzzo nei play out contro la Petanque Bovesana di Cuneo. Nelle donne a conquistare il suo primo scudetto nella serie A è stato il San Giacomo di Imperia che in finale ha battuto l’ANPI Molassana di Genova la quale, a sua volta, nei play off, aveva avuto la meglio sulla Valle Maira. L’Auxilium si è salvata nei play out scapito del Cps Genova. Nella serie B maschile sono state promosse in serie A la Bocciofila Buschese di Cuneo, vincitrice anche dello scudetto 2016, e il Gsp Ventimiglia. La Caragliese di Cuneo è stata fermata nel play off dalla vincitrice e Il San Bartolomeo di Imperia, nei play out, ha avuto la meglio sulla Bisalta di Cuneo. Nella serie B femminile vittoria del Dlf Ventimiglia che in finale ha battuto il Petanque Pontedassio di Imperia (entrambe promosse di diritto alla serie A femminile 2017). Fermate in semifinale la Petanque Bovesana di Cuneo e la Valle Sturla di Genova.

Le vincitrici nel campionato di promozione sono l’Infra di Genova e il Vignolo Petanque di Cuneo che militeranno nella serie B 2017. (L.B.)

Articoli correlati

Commenti