Canottaggio, dodici giovani campioni a Helsinki nel 1952

La leggendaria storia di due equipaggi azzurri alle Olimpiadi del '52 composti interamente da canottieri veneziani
Canottaggio, dodici giovani campioni a Helsinki nel 1952
1 min
di Fabio Donfrancesco

ROMA - Lo scrittore veneto Antonio Padovan rende omaggio a due mitici equipaggi che hanno partecipato ai Giochi Olimpici di Helsinki nel 1952. A settant'anni da questo evento, il libro (edito da Cierre Edizioni) ci propone uno straordinario affresco di questi atleti di Cavallino-Treporti, che vogavano insieme nella nebbia della laguna di Venezia tutte le sere dopo aver finito di lavorare. Erano spinti dall'irrefrenabile voglia di dimostrare il loro valore, che li portò a gareggiare prima sui bacini remieri della Penisola e poi addirittura a rappresentare l'Italia a Helsinki. Ognuno di questi componenti dell'otto con timoniere e del "quattro con" portava con sé una storia personale, ma tutti erano accomunati dalla stessa passione ed erano figli di questo angolo della laguna che ha da sempre creato campioni del remo e della pagaia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti