Mondiali di ciclismo: Ganna, l'obiettivo è doppio

All'alba di domani Filippo cercherà il tris iridato nella crono. Poi l'8 ottobre attaccherà il record dell’Ora su pista
Mondiali di ciclismo: Ganna, l'obiettivo è doppio© EPA
4 min
Giorgio Coluccia
TagsGannaMondialiCiclismo

Filippo Ganna non ha intenzione di sfilarsela: quella maglia iridata è come se fosse tatuata sulla sua pelle. Ambisce al tris da campione del mondo a cronometro e punta ad affiancarsi al tedesco Tony Martin, l’unico in grado di vincere il titolo per tre anni di fila (2011-2013) tra i professionisti.

Nella notte italiana tra oggi e domani prendono il via i Mondiali australiani di Wollongong: si comincia con il botto, con l’assegnazione delle prime medaglie nelle prove contro il tempo maschili e femminili. Ganna non ha lasciato nulla al caso, sta facendo base nel ritiro di Bowral da una settimana, e non appena c’è stata la chiusura al traffico ha studiato a fondo il tracciato assieme al c.t. esordiente Marco Velo. Il fuoriclasse azzurro arriva al grande appuntamento in condizioni ottimali, parte più avanti rispetto ai rivali visto che Evenepoel è reduce dalle fatiche della Vuelta, Pogacar non ha il suo stesso passo nelle cronometro e Van Aert ha scelto di concentrarsi sulla prova in linea.

Energie

Occhio però agli outsider, come gli svizzeri Stefan Bissegger e il fresco campione d’Europa Stefan Küng. «Ho lavorato bene, ho fatto di tutto per essere al cento per cento - ha dichiarato il piemontese classe 1996 -. Una trasferta del genere richiede tante energie mentali e sappiamo quanto spesso conti più la testa che le gambe». Dopo aver gareggiato in Germania a fine agosto, Ganna si è rifugiato assieme a Sobrero in quota a Macugnaga, poi è volato dall’altra parte del mondo e adesso il c.t. Velo lo considera «pronto per una cronometro non lineare, dove sarà importante rilanciare più volte nell’arco dei 33 chilometri totali». Fin qui il corazziere azzurro ha vissuto una stagione in chiaroscuro, mancando alcuni obiettivi prefissati come la prima maglia gialla al Tour o un piazzamento nelle grandi classiche di primavera. Per questo il Mondiale può valere ancora di più.

Assalto

Tra l’altro proprio ieri il Team Ineos ha annunciato che Ganna darà l’assalto al record dell’Ora su pista, provandoci l’8 ottobre presso il velodromo di Grenchen, in Svizzera, per superare i 55.548 chilometri del britannico Dan Bigham. «Quella prova ti porta a conoscere i limiti fisici e mentali, ma ora voglio concentrarmi sul Mondiale - ha specificato il diretto interessato -. La tripletta è un obiettivo straordinario, forse mi sento un po’ meno stanco rispetto a un anno intensissimo come il 2021». Gli allenamenti, un clima fresco e qualche goccia di pioggia scandiscono le giornate di ritiro, ma non manca il buon umore e il fuoriclasse di Verbania trova anche il modo di scherzare per il suo peluche: «Tutto è cominciato con Guarnieri all’Europeo di agosto, quando in aeroporto abbiamo comprato un pollo, la mascotte della rassegna. Stavolta non avendo ancora trovato un canguro e facendo scalo a Dubai, abbiamo comprato un cammello. Lo considero la mascotte del gruppo». Insieme col campione in carica, per l’Italia apriranno le danze a cronometro Affini e Sobrero mentre tra le donne scenderanno in gara Arianna Fidanza e Vittoria Guazzini. Per la prima volta in un Mondiale i tracciati saranno uguali per tutti.

Filippo Ganna più che mai “Top Ganna”: show delle Frecce Tricolori al Giro d’Italia
Guarda la gallery
Filippo Ganna più che mai “Top Ganna”: show delle Frecce Tricolori al Giro d’Italia

 


Commenti