Mondiali di ciclismo, domina Evenepoel: 5° Trentin, 8° Bettiol

Il belga trionfa in solitaria davanti a Laporte e Matthews, si ritira Van der Poel, arrestato per un alterco in hotel e rilasciato a notte fonda
Mondiali di ciclismo, domina Evenepoel: 5° Trentin, 8° Bettiol© EPA
2 min
TagsEvenepoelRotaCiclismo

WOLLONGONG (Australia) - Impresa di Remco Evenepoel che trionfa in solitaria - due settimane dopo il successo nella Vuelta - nella gara in linea Elite ai Mondiali di ciclismo su strada a Wollongong, in Australia, in un tracciato di 266,9 chilometri, chiuso in 6 ore, 16 minuti e 8 secondi. Dietro al 22enne belga, polemico sul traguardo e che succede ad Alaphilippe nell'albo d'oro, chiudono il francese Christophe Laporte e il 'padrone di casa' Michael Matthews, entrambi staccati di 2'21'' e che beffano il gruppetto in lotta fino all'ultimo per l'argento, del quale faceva parte Lorenzo Rota, poi 13°. Quarto l'altro corridore belga Wout Van Aert, quinto Matteo Trentin, sesto il norvegese Alexander Kristoff, settimo lo slovacco Peter Sagan e ottavo Alberto Bettiol. Completano la top 10 dell'ordine d'arrivo il britannico Ethan Hayter, nono, e il danese Mattias Jensen, decimo. 

Notte agitata per Van der Poel: si ritira

Notte agitata per Mathieu van der Poel. Il ciclista olandese, uno dei favoriti della vigilia per il Mondiale su strada in Australia, è stato arrestato a poche ore dal via della corsa in linea di Wollongong dopo un alterco con alcuni adolescenti che avrebbero bussato alla porta del suo hotel mentre dormiva. Uscito dalla sua camera, van der Poel avrebbe espresso vivacemente il proprio malcontento e uno dei giovani rimasto ferito a un gomito. La polizia lo ha fermato e poi rilasciato. Van der Poel ha dunque preso il via alla gara ma si è ritirato dopo una trentina di chilometri, senza forze e "distrutto mentalmente", secondo il suo direttore sportivo Christoph Roodhooft. L'olandese dovrà comparire davanti a un giudice martedì a Sutherland. "Sì, è vero, ho avuto una piccola lite - ammette davanti ai giornalisti -. Volevo addormentarmi presto ieri sera ma il corridoio dell'hotel era pieno di ragazzini che non smettevano di bussare alla mia porta. Mi sono arrabbiato e ho detto loro, in maniera non molto simpatica, di smetterla. A quel punto è stata chiamata la polizia e sono stato portato via".


Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti