Giro d'Italia, Spreafico positivo all'antidoping. Scatta indagine a Rimini

Il ciclista della Vini Zabù sembra aver utilizzato l'anabolizzante ostarina il 15 e il 16 ottobrein occasione di due tappe del torneo

© ANSA

BOLOGNA - Matteo Spreafico è risultato positivo ai controlli antidoping fatti al Giro d'Italia. Il corridore della Vini Zabù sembra aver utilizzato l'anabolizzante ostarina il 15 ottobre, in occasione della tappa Cesenatico-Cesenatico, eil 16 ottobre, al termine della Cervia-Monselice. Il 22 ottobre il ciclista è stato perquisito dal Nas, su disposizione della Procura di Rimini che ha aperto un'indagine. Il corridore, sospeso dall'Unione ciclistica internazionale e licenziato dalla sua squadra, è stato anche denunciato ai pm riminesi per utilizzo di farmaci o altre sostanze al fine di alterare le prestazioni agonistiche. I militari, intervenuti con i colleghi dell'Arma territoriale, contestualmente alla notifica dell'esito della positività al controllo hanno infatti sequestrato un flacone iniziato del farmaco.

Commenti