Corriere dello Sport

Golf

Vedi Tutte
Golf

Golf, ecco gli strumenti per migliorarsi

Golf, ecco gli strumenti per migliorarsi
© Getty Images

Tutti i segreti dei dispositivi hi-tech utilizzati in questo sport

Sullo stesso argomento

 

venerdì 3 giugno 2016 21:47

ROMA - In un mondo in cui app e dispositivi hi-tech occupano un posto rilevante nella nostra quotidianità, nemmeno il golf riesce a sottrarsi a questa pacifica invasione. Soprattutto a livello amatoriale la tecnologia è costantemente presente sul campo. Sono diversi i dispositivi che analizzano le proprie prestazioni: ci dicono se abbiamo colpito bene la pallina, quanti metri ha percorso la stessa ecc.

PARLA L’ESPERTO - I dati vanno analizzati comunque da un esperto. Federico Bisazza, uno degli allenatori della Squadra Nazionale Maschile Dilettanti, ci spiega come funzionano questi strumenti: «Iniziamo dal trackman, un radar dotato di tecnologia doppler che traccia la pallina e la segue durante la fase di volo. Ci fa capire come si comporta il bastone nel momento dell’impatto con la sfera, se l’attrezzatura utilizzata è quella giusta, se ci sono determinati difetti nel movimento del giocatore. Le cifre sono abbastanza semplici da leggere: il volo totale della palla in metri, i giri al minuto della stessa, la tangente dell’impatto del bastone con la palla, dove “guardava” la faccia del bastone nel momento in cui colpisce la sfera e lo smash factor, utile per definire se un bastone va bene o no per un giocatore». Il trackman può essere utilizzato solo per i colpi che prevedono un volo. Per migliorare il putt c’è invece il Sam Lab Putt: «Con questo, visualizziamo tutto ciò che accade alla testa del putt nell’arco del movimento». Nelle gare professionistche non possono essere utilizzati i dispositivi elettronici, in quelle amatoriali sono ammessi solo i telemetri. «Ci permettono di capire l’esatta distanza dall’obiettivo e calcolano l’altitudine. Quelli che prevedono la seconda opzione non possono essere utilizzati durante la competizione. Altri strumenti sono il K Vest (ci fa capire come si muove il corpo nell’arco dello swing) e le balance board che misurano la pressione dei piedi durante il movimento».

Articoli correlati

Commenti