Golf
0

Coronavirus, il coach di golf Cowen: "Sto malissimo, ma non mi fanno il test"

Ha quasi 70 anni, è riconosciuto come uno dei migliori allenatori al mondo: "Questa tragedia non la auguro a nessuno. Ho riferito di avere tutti i sintomi, eppure niente tampone..."

Coronavirus, il coach di golf Cowen:

ROMA - È riconosciuto come uno dei migliori coach di golf al mondo. Da sempre al fianco delle stelle mondiali del green, Peter Cowen crede di aver contratto il coronavirus. "Mi sento malissimo e questa tragedia - ha raccontato Cowen al The Telegraph - non la auguro a nessuno". Sensazioni, ma nessuna conferma visto che il britannico non è stato sottoposto al tampone. "Non riesco a capirne il motivo, ho riferito alle autorità sanitarie locali di avere tutti i sintomi del caso". Settant'anni a gennaio 2021, tra i migliori allenatori dello swing, è ora in gravi difficoltà. A rivelarlo anche Gary Woodland, uno dei suoi "allievi" illustri, vincitore dell'US Open 2019. "Ho parlato con lui negli ultimi due giorni - ha spiegato l'americano - è in isolamento e non sta bene. Prego per lui e per tutte quelle persone che in questo momento stanno vivendo questo dramma".

L'apprensione

I suoi atleti hanno collezionato in tutto 8 vittorie Major e oltre 250 titoli in tutto il mondo. Cowen tra gli altri è stato al fianco di campionissimi della disciplina come Rory McIlroy (numero 1 mondiale), Brooks Koepka, Lee Weestwood, Graeme McDowell, Louis Oosthuizen, Danny Willett, Sergio Garcia, Darren Clarke e Henrik Stenson. E ha contribuito ai trionfi show di Francesco Molinari nel 2018. Per Thomas Bjorn, capitano del Team Europe alla Ryder Cup di Parigi, è il più grande esperto di golf a livello mondiale. E adesso tutto il movimento è in apprensione per le condizioni di salute di uno dei più grandi allenatori attuali del green mondiale. 

Tutte le notizie di Golf

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

Altri Sport

Tutte le notizie di Altri Sport