Corriere dello Sport

Ippica

Vedi Tutte
Ippica

”Presidente” con cinque candidati

”Presidente” con cinque candidati
© HG Roma/Savi

Protesta dei tedeschi, nessuno straniero nel GP di domenica a Capannelle. Solo Greg Pass contro un quartetto allenato dai Botti nel clou del Dubai Day

Sullo stesso argomento

 

sabato 13 maggio 2017 01:29

Dopo le rinunce dei pochi stranieri iscritti alla corsa, in particolare quelle dei tedeschi (l'allenatore ha inoltrato una lettera di protesta all'EBF per il mancato pagamento del primo premio vinto dal suo Diplomat nel 2016) edizione tutta italiana per il Premio Presidente della Repubblica GBI Racing di domenica all’ippodromo Capannelle, clou dell’ormai tradizionale Dubai Day. Soltanto cinque i partenti, quattro dei quali presentati dal team Botti. Per Un Dixir è un fascinoso imbattuto, fratellastro di Dylan Mouth, che ha iniziato a correre solo quest’anno e resta sul successo in listed nel Signorino su Circus Couture (nella foto). Voice of Love è forte della vittoria autunnale nel Piazzale e di quella recente nell’Ambrosiano, entrambe sul compagno di colori Circus Couture che però nella circostanza non ci sarà: al suo posto Time To Choose, che ha vinto sei delle nove corse disputate fin qui e che è la scelta del fantino di scuderia Fabio Branca. Per Voice of Love è stato reclutato Antonio Fresu, Per un Dixir tornerà invece a far coppia con Salvatore Sulas che l'ha montato in occasione delle prime due vittorie uscite. L’ultimo dei cavalli allenati a Cenaia è Basileus: sembra aver smarrito la strada che porta alla vittoria, tuttavia i piazzamenti nel Ribot e nel citato Ambrosiano lo hanno visto sempre generoso protagonista. Unico ma serio avversario dei “cenaiani” sarà Greg Pass, che in questa stagione non ha sbagliato un colpo siglando Natale di Roma e Bereguardo e che sempre sul miglio a novembre si era imposto nel Ribot. Sembrava destinato a restare sui 1600 metri, puntando al Vittadini, e invece il suo team ha deciso di riportarlo a Roma per il Presidente.

Con il patrocinio di Sheikh Hamdan Bin Rashid Al Maktoum, da oltre un decennio il Dubai Day sancisce il gemellaggio tra l’ippodromo romano e le realtà ippiche degli Emirati Arabi, che abbineranno il loro nome alle altre otto corse del qualitativo programma. In particolare alle due prove riservate ai cavalli purosangue arabi: tra queste spicca il Premio Dubai International Arabian Races, listed riservata ai 4 anni e oltre, che ha raccolto ben sedici partenti: quattro gli arrivi dall’estero, ovvero Meblsh, Nil Ashal, Nil Aziz e Ramil Al Aziz.

Premio Presidente della Repubblica GBI Racing (gruppo 2, 202.400 euro, m. 1800 p.g.): 1 Basileus (58 C. Fiocchi), 2 Greg Pass (58 D. Vargiu), 3 Per Un Dixir (58 S. Sulas), 4 Time To Choose (58 F. Branca), 5 Voice of Love (58 A. Fresu). Rapporto di scuderia: Time To Choose-Voice of Love

Articoli correlati

Commenti