Corse e cappelli per la vita
© CPLV/BILIOTTI
Ippica
0

Corse e cappelli per la vita

Giovedì 25 aprile, in occasione della 192ª Corsa dell'Arno, al Visarno di Firenze si rinnoverà l'appuntamento benefico a sostegno della onlus che si occupa di strutture per la lotta ai tumori al seno

Giovedì 25 aprile all’ippodromo fiorentino del Visarno, in occasione della 192ª Corsa dell’Arno, si rinnoverà l’appuntamento con “Il cappello più bello per Corri la Vita”, concorso per signore e bambini arrivato alla sesta edizione, organizzato in collaborazione con il Consorzio Il Cappello di Firenze. Il Visarno come Royal Ascot, tra corse di galoppo e cappelli d’autore nel nome della beneficenza: protagonisti saranno i copricapi più eleganti ed estrosi, ma anche la solidarietà, in quanto tutto il ricavato della vendita dei cappelli realizzati dalle aziende del Consorzio aderenti all’iniziativa verrà infatti devoluto all’Associazione Corri La Vita Onlus, che si occupa di realizzare e qualificare le strutture sanitarie pubbliche dell’area fiorentina specializzate nella lotta contro il tumore al seno. Nata nel 2003 per iniziativa della presidente Bona Frescobaldi, l’associazione organizza ogni anno l’ultima domenica di settembre la corsa podistica “Corri La Vita”, appuntamento sportivo non competitivo che ha raccolto e distribuito nelle sue 16 edizioni oltre 5.700.000 euro, riunendo quasi 335.100 partecipanti e consentendo un’assistenza di qualità a oltre 400.000 donne. Per partecipare al concorso “Il cappello più bello per Corri La Vita” è necessario indossare un cappello, o acquistarlo il giorno stesso della gara presso il corner del Consorzio posizionato all’ingresso dell’ippodromo: nel costo del cappello sono comprese la quota d’ingresso e la donazione a Corri La Vita. È inoltre possibile prendere parte alla competizione con un proprio cappello: in questo caso la quota per iscriversi al concorso è di 10 euro, la cifra include anche l’ingresso alla manifestazione e verrà totalmente devoluta a Corri La Vita.

Tutte le notizie di Ippica

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti