Derby Day, conto alla rovescia
© VIGGIANI
Ippica
0

Derby Day, conto alla rovescia

Domenica ben quattro GP a Capannelle: nel Nastro Azzurro annunciata la bulgara Irish Girl, possibile almeno un inglese di Johnston. Inedito sponsor per il "Presidente della Repubblica” (Campus Bio-Medico) e accordo con la Scuderia Effevi sulle vincite future di Holy Water. HippoGroup Roma inoltrerà diffida al Mipaaft sulla sanzione per le corse non disputate nei primi mesi del 2019

Conto alla rovescia per il Derby Day di domenica a Capannelle. Ancora notizie incerte sugli arrivi dall’estero per il Nastro Azzurro e gli altri tre GP della giornata: per il clou preannunciati la bulgara Irish Girl, già vincitrice in ottobre a Milano, e almeno un inglese dell’allenatore Mark Johnston, che ha lasciato iscritti Persian Moon (3 vittorie e sempre piazzato nelle altre 6 corse, ricomparso con un terzo posto in listed) e Nayef Road (3 vittorie pure lui, l’ultima al rientro in handicap “class 3”).

Non solo Derby, comunque. Nel D-Day l’ippodromo romano ospiterà altri tre gran premi, e tra questi in particolare il “Presidente della Repubblica”, che per la prima volta avrà uno sponsor non certo abituale per l’ippica italiana. Si tratta dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, che sarà presente... in forze per far conoscere le proprie attività didattiche, di ricerca e di assistenza, con medici, ricercatori e anche studenti che spiegheranno al pubblico le attività dell’università che vanta ormai un’attività venticinquennale. Nella giornata verrà anche siglato un accordo tra Andrea Rossi, direttore generale di Campus Bio-Medico, e Felice Villa, titolare della Effevi, la più importante scuderia del galoppo italiano, per il quale il 50% dei premi vinti dal cavallo Holy Water fino a tutto il 2019 verrà devoluto all’università per borse di studio da destinare a studenti meritevoli e non abbienti per progetti di cura per persone fragili. Un’inedita “alleanza” che abbinerà quindi ippica e sociale.

Nel frattempo tanto HippoGroup Roma quanto HG Torino sono state sanzionate dal Mipaaft per le giornate di corse non disputate a inizio anno: 187.200 euro per Roma (18 convegni) e 20.800 per Torino (2 a febbraio). Le due società sono pronte alla diffida contro il ministero, prima di un eventuale ricorso al TAR.

Tutte le notizie di Ippica

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti