© HG ROMA/SAVI
Ippica
0

"Demurino” sempre in volo

Quarto Derby vinto in cinque anni per Cristian Demuro, anche stavolta con un cavallo allenato da Botti: con una rimonta millimetrica Keep On Fly sopravanza proprio sul traguardo un frettoloso Mission Boy, terza la femmina Call Me Love. Gli altri GP: Stormy Antarctic nel Presidente della Repubblica, Assiro nel D'Alessio, Buonasera nel Tudini

Cristian Demuro nel Derby Italiano di galoppo è ormai una sentenza: ha vinto anche quello di ieri, il quarto negli ultimi cinque anni. E ovviamente lo ha siglato con Keep On Fly, l’ennesimo cavallo scelto per lui dalla premiata ditta Botti, e cioé papà Alduino, detto il Boss, acquartierato da sempre nelle sue scuderie milanesi, e il figlio Stefano, il Master di Cenaia. Assolti gli obblighi di scuderia, nel senso di fantini chiamati a montare per la giubba con la quale hanno un contratto (in questo caso Carlo Fiocchi su Mission Boy per la Blueberry e Dario Vargiu su Call Me Love per la Effevi), “Demurino” finisce puntualmente sul migliore degli altri “bottiani”. Appunto nella circostanza Keep On Fly, che a inizio stagione le aveva prese sì da alcuni degli avversari di ieri ma che all’ultima uscita con il paraocchi era diventato volante e che stavolta giusto in tempo ha pizzicato proprio sul traguardo Mission Boy. Una corta incollatura il vantaggio del sauro appartenente ai Dioscuri, che altro non sono che lo stesso Alduino Botti e il fratello Giuseppe, pure allevatori di questo saurone che mangia fieno e metri, bisognoso di distanza anche maggiore per andare a pieni giri. Tante le recriminazioni da parte del battuto: al primo tentativo su un percorso superiore al miglio, Mission Boy troppo presto in dirittura s’è lanciato sulle tracce di Tritasass, anticipando per niente Call Me Love che alla fine è stata terza, ben battuta ma dopo aver subìto anche una deviazione dello stesso Mission Boy in zona traguardo. Il Derby resta quindi stregato per le femmine della Effevi, dopo il secondo posto di Sound of Freedom nel 2015 e il terzo di Flower Party nel 2018, pure loro sempre battute da altri cavalli allenati dai Botti. I quali per la terza volta negli ultimi cinque anni hanno occupato per intero il podio della madre di tutte le corse. Lanfranco Dettori ha chiuso quarto con un coraggioso Frozen Juke: in precedenza aveva colpito facile con l’inglese Stormy Antarctic nel Premio Presidente della Repubblica (da lui mai vinto in precedenza), più tardi invece con Gold Tail ha chiuso nelle retrovie del Premio Tudini. Tra gli sprinter c'è stata la sorpresa di Buonasera, a quasi 27 contro 1, per un'accoppiata al femminile con la più attesa Charline Royale, tutte e due salve appena in tempo dal finalone di Foot of King, questo senza spazio vitale più e più volte. In apertura del lungo pomeriggio Assiro (prima patterna per Andrea Mezzatesta) ha risolto di forza il D'Alessio respingendo Azzurro Cobalto, con O'Juke e Presley deludenti alle altre piazze.

136º Derby Italiano-Sisal Matchpoint (gruppo 2, 704.000 €, m. 2200 p.g.): 1. Keep On Fly (C. Demuro), 2. Mission Boy, 3. Call Me Love, 4. Frozen Juke. Distacchi: c.inc. - 2 1/4 - 1 3/4. Tot. 7,25 1,94 1,93 1,45 (46,12) Trio 108,22.

Premio Presidente della Repubblica-Campus Bio-Medico (gruppo 2, 202.400 €, m. 1800 p.g.): 1. Stormy Antarctic (L. Dettori), 2. Anda Muchacho, 3. Wait Forever, 4. Dirk. Distacchi: 4 - 1 - 4. Tot. 1,44 1,13 1,33 (2,70).

Premio C. D’Alessio (gruppo 3, 71.500 €, m. 2400 p.Derby): 1. Assiro (A. Mezzatesta), 2. Azzurro Cobalto, 3. O’Juke, 4. Presley. Distacchi: testa - 2 1/2 - 1/2. Tot. 7,47 4,58 3,87 (42,33).

Premio Tudini (gruppo 3, 71.500 €, m. 1200 p.d.): 1. Buonasera (M. Sanna), 2. Charline Royale, 3. Foot of King, 4. Trust You. Distacchi: 3/4 - muso - testa. Tot. 27,53 6,04 1,61 2,70 (135,09) Trio 1.215,20.

TQQ: Tris 9-2-3, 508,88 € per 74 vincitori, quota con rit. (n. 6, 11, 15) 31,22 €; Quarté 9-2-3-7, 990,85 € per 10 vincitori, q.r. 56,57 €; Quinté 9-2-3-7-4, n.v.

Tutte le notizie di Ippica

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti