Il Coolmore sbarca in Italia
© COOLMORE
Ippica
0

Il Coolmore sbarca in Italia

Per il 2020 arriva Requinto: sarà il primo stallone di proprietà del colosso allevatorio irlandese a funzionare nel nostro Paese. Non ancora definiti la stazione e il tasso di monta

Alla vigilia dell’asta yearling SGA che si terrà sabato a Milano all’ippodromo della Maura, arriva un’importante notizia per il nostro galoppo e tutta l’ippica italiana in generale. Nel 2020 per la prima volta uno stallone di proprietà dell’irlandese Coolmore, il maggiore gruppo allevatorio mondiale, effettuerà la stagione di monta qui da noi: si tratta del 10enne Requinto, che funzionerà nel nostro Paese solo per la prossima stagione.

In pista, Requinto è stato protagonista di un’unica ma qualitativa stagione di corse a 2 anni nel 2011, con 4 vittorie e 1 piazzamento tra Irlanda e Inghilterra. Tra i suoi successi spiccano le Flying Childers Stakes (gruppo 2, m. 1000) e le Molecomb Stakes (gruppo 3, m. 1000, nella foto). È figlio di Dansili,miglior miler anziano in Francia nel 2000, padre di oltre 20 vincitori di gruppo 1 e di numerosi stalloni, tra i quali si segnala Zoffany. La madre Damson è stata tra le migliori della sua generazione a 2 anni con le vittorie nelle Phoenix Stakes (gruppo 1, m. 1200) e nelle Queen Mary Stakes (gruppo 2, m. 1000).

Entrato in razza nel 2013, Requinto è già padre di diversi cavalli “black type”, ovvero che hanno vinto o si sono piazzati in corse di gruppo o in listed in Gran Bretagna, Irlanda, Italia e India. Su tutti il 3 anni Great Scot, che a inizio settembre s’è imposto nelle Superior Mile Stakes (gruppo 3, m. 1600) a Haydock, guadagndosi un RPR di 115+, dopo che in precedenza era stato 2º nelle Greenham Stakes (gruppo 3, m. 1400), 3º nelle Mehl Muhlens Rennen (gruppo 2, m. 1600), ovvero le 2000 Ghinee Tedesche, e 4º nelle Sovereign Stakes (gruppo 3, m. 1600). In Italia si è segnalato invece con l’attuale 2 anni Only Time, vincitore del Premio Giuseppe De Montel (listed, m. 1500).

La scelta dello stallone Coolmore da destinare all’Italia è stata operata da Marco Bozzi. Guido Berardelli si sta invece occupando della scelta della stazione di monta, per la quale sono in valutazione diverse opportunità. Da definire anche il tasso di monta. La gestione dell’operazione è stata delegata dalla proprietà irlandese a Mattia Cadrobbi, figura attiva nel mondo dei grandi proprietari arabi con un consolidato curriculum amministrativo. Il Coolmore, che fa capo a John Magnier, attualmente gestisce 52 stalloni tra Irlanda, Stati Uniti e Australia, e altri 18 stalloni di National Hunt, questi tutti in Irlanda. Al gruppo fa capo anche Ballydoyle Racing Stable, il centro di allenamento che ha come responsabile il top trainer Aidan O’Brien.

Tutte le notizie di Ippica

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti