A tutto complementare

Finito il periodo di test iniziato il 17 marzo e riservato solo ai "vecchi” clienti ippici, da oggi anche in... chiaro il palinsesto integrativo di Betflag. Da mercoledì scorso operativo anche quello di Snai, si attendono gli altri concessionari e soprattutto la riapertura delle agenzie
A tutto complementare
di Mario Viggiani

Mossa e contromossa. Da mercoledì è diventato operativo il palinsesto complementare ippico di Snai e così da oggi lo sarà in... chiaro anche quello di Betflag.

Quest’ultimo concessionario aveva iniziato a proporlo dal 17 marzo ma esclusivamente per quelli che erano i vecchi clienti, attraverso un link non raggiungibile dalla tradizionale sezione riservata sul proprio sito alle corse dei cavalli. Questo per una scelta ben precisa di partire con quello che all’inizio era solo un test “pubblico”, alla fine andato avanti però per quasi due mesi.

E così, mentre Snai mercoledì è partito con il solo Belmont Park nel proprio complementare, replicato ieri unitamente a un altro campo di galoppo Usa, Golden Gate Fields, ecco appunto che oggi quello di Betflag sarò disponibile in versione... diretta, per tutti i clienti del concessionario. Si tratta di un complementare particolarmente ricco, in grado di attingere corse da Corea del Sud, Dubai Francia, Germania, Gran Bretagna, India, Irlanda, Singapore, Stati Uniti, Sudafrica e Zimbabwe, grazie ai numerosi diritti acquisti in lungo e in largo per il mondo. Il palinsesto di ieri, per esempio, oltre a Belmont Park e Golden Gate Fields, comprendeva anche Caen, Clairefontaine, Lione e Marsiglia per la Francia, Vaal per il Sudafrica, Newmarket per la Gran Bretagna e ancora Belterra Park, Charles Town e Thistledown per gli Stati Uniti.

Un segnale importante, lo sviluppo del palinsesto complementare da parte di un paio dei principali concessionari (gli altri invece sono in ritardo), in attesa di buone nuove sulla riapertura delle agenzie di scommesse, al momento chiuse fino al 14 giugno come da ultimo DPCM. Il comparto è in gravissimo affanno, anche perché il gioco on line in Italia ha “numeri” ancora decisamente ridotti. Staremo a vedere se la situazione si sbloccherà almeno a partire dal 15 giugno, magari con norme anti-assembramento che consentano la sospirata riapertura delle agenzie e degli altri luoghi di gioco.

Commenti