Ippica
0

#19/9/2020 Roma live

Batterie... scariche per il Derby di trotto: ritirati Bristol Cr (febbre) e Banderas Bi (arrivato tardi in "isolamento” dopo la rottura del van), vanificata la loro leadership nella classifica di ammissione. Boltigeur Erre di misura su Babirussa Jet nella prima, Bubble Effe in controllo nella seconda, Bepi Bi un rullo nella terza: en plein del team Gocciadoro

#19/9/2020 Roma live
© HG ROMA/SAVI

Batterie... scariche per il Derby di trotto 2020, ieri a Roma: ritirati prima Bristol Cr (febbre) e poi Banderas Bi (arrivato oltre il ritardo-limite nel recinto di isolamento, dopo la rottura del van che lo trasportava a Capannelle), oltre che Big Capar (troppo scomodo, quel 14, per giocarsi una vera chance). La mancata partecipazione alle batterie toglie quindi Banderas Bi e Bristol Cr dallo schieramento della finale dell’11 ottobre: era garantita dal fatto di essere ai primi posti della classifica di ammissione alle stesse batterie, ma la condizione indispensabile era «sempre che abbiano preso parte alle qualificazioni» e nessuno dei due le ha disputate.

1ª BATTERIA - Un, due, tre: Gocciadoro! Il podio della 1ª batteria, ma non è certo una novità, è occupato tutto dai cavalli allenati a Noceto dal team emiliano: la vittoria è andata a Boltigeur Erre, sulla favoritissima Babirussa Jet, che come detto era già qualificata per la finale, e su Baresi Effe. Questi tre se la sono giocata al via, con Boltigeur Effe che dal 4 ha insistito su Baresi Effe per passarlo all’imbocco della prima curva e farsi sfilare da Babirussa Jet sulla retta di fronte (primi 400 metri in 29.7), mentre Boys Stecca guidava il treno esterno. Corsa comoda per Babirussa Jet al comando (59.7 per gli 800, 1.16 secco per il km), senza che le cose cambiassero più di tanto alle sue spalle e al suo esterno fino al mezzo giro finale. In retta d’arrivo, dopo la rottura di Boys Stecca, Giampaolo Minnucci ha spostato Boltigeur Erre ai fianchi di Babirussa Jet e in arrivo l’ha sopravanzata di giustezza (nella foto) ma con disinvoltura, nonostante la testa sempre storta da parte del figlio di Voltigeur de Myrt. In corda Baresi Effe teneva il terzo e si prendeva la qualificazione, sfilandola a Bruccione Fas e Barolo Roc. Il piazzamento di Babirussa Jet "promuoveva” il ripescaggio di Bigbusiness Arc in base alla classifica. «A Milano non era andata come doveva andare, per colpa mia. Stavolta tutto bene, invece. È un cavallo che bisogno di un punto di riferimento sul percorso, comunque è partito bene, grazie al lancio lungo e selettivo di Roma. Il giorno che corre con la testa dritta li batte tutti quanti... Il carattere lo condiziona, ma alla fine non sempre è un problema», il commento di Minnucci.

2ª BATTERIA - Anche qui Gocciadoro ha fatto il pieno: due ne aveva, dopo il ritiro di Big Capar, e i due sono finiti ai primi due posti. Con Bubble Effe tutto molto semplice, per Ale: dopo un lancio essenziale, con appena sei cavalli in prima fila, rimaneva arroccato alla corda e si trovava Belzebù Jet e Bigbusiness Arc nella sua scia in corda, con Banteng Jet a prendere aria in faccia all’esterno. Niente di particolare da segnalare al passaggio davanti alle tribune (58.5 per i primi 800 metri, 1.14.1 per il km), di fronte era Bigbusiness Arc ad aggirare Banteng Jet e portarsi sul compagno di allenamento che proseguiva da saldo leader, con Belzebù Jet sempre a contatto con il battistrada. Senza emozioni la retta d’arrivio: un Bubble Effe finalmente affidabile («Ho dovuto metterlo a posto dopo il ritorno dalla Svezia... Adesso è di nuovo lui, l'ho sempre stimato, sarà uno dei più seri candidati alla vittoria nella finale», le parole di Gocciadoro) arrivava sul traguardo tutto in mano ad Ale, che così “murava” Belzebù Jet e Bigbusiness Arc ne approfittava per chiudere secondo (il suo piazzamento "liberava" un altro posto per la finale). Tra gli altri, brava Berenice Bi per il quarto posto.

3ª BATTERIA - Chi ha vinto l’ultima delle tre batterie? Risposta facile facile, anzi scontata: un cavallo allenato dai Gocciadoro. È stato il turno di Bepi Bi, che con il 13 è stato impiegato al meglio, con grande giudizio da Alessandro: ha lasciato che davanti Bengurion Jet reggesse Bonjovi Mmg dopo lo stacco e che Bleff Dipa rilevasse il leader sulla retta di fronte, poi è avanzato progressivamente sulla testa del gruppo senza però sollecitare Bleff Dipa (km in 1.14). Bepi Bi ha proseguito in questo modo fino in retta d’arrivo, a quel punto Ale ha spinto a fondo e s’è andato a prendere la vittoria a media di 1.13.5, senza aver mai visto la corda, con Bengurion Jet rinvenuto bene per il secondo sullo stesso Bleff Dipa, consegnando così un posto in finale a Barolo Roc, terzo miglior escluso in base alla classifica. «Mi sa che in finale mi tocca guidare questo...», l’eloquente commento di Gocciadoro, rivolto al proprietario Mauro Biasuzzi, dopo che in precedenza s’era pronunciato a favore di Bubble Effe. «Bepi Bi ha girato di fuori tutta strada, è un cavallo vero: spero sia la scelta giusta per vincere finalmente il Derby anche da guidatore».

1ª batteria Derby Italiano (22.000 €, m. 2100): 1. Boltigeur Erre (Gp. Minnucci) 14.4, 2. Babirussa Jet 14.4, 3. Baresi Effe 14.6, 4. Bruccione Fas 14.6, 5. Barolo Roc 14.7, 6. Bramante Ors 14.9, 7. Billy Idol Jet 15.0, 8. Black Mamba San 15.1, 9. Beatles Boy Treb 15.3, 10. Buffon Zs 15.3, 11. Book Wise As 15.7, 12. Borboletta 16.4, Blade Wise As rp, Boys Stecca rp. Tot. 5,71 1,44 1,11 1,64 (18,92) Trio 46,64.

2ª batteria Derby Italiano (22.000 €, m. 2100): 1. Bubble Effe (A. Gocciadoro) 13.4, 2 Bigbusiness Arc 13.5, 3. Belzebù Jet 13.5, 4. Berenice Bi 13.7, 5. Bixio 14.0, 6. Bullo Gec 14.1, 7. Boston Luis 14.4, Beautyful Breed rp, Bolero Gar rp, Banteng Jet rp, Bardo di Poggio rp, Brillant Ferm rp. Non hanno corso Banderas Bi e Big Capar. Tot. 3,23 1,96 2,07 1,89 (18,26) Trio 40,47.

3ª batteria Derby Italiano-TQQ (22.000 €, m. 2100): 1. Bepi Bi (A. Gocciadoro) 13.5, 2. Bengurion Jet 13.7, 3. Bleff Dipa 13.7, 4. Baccani 14.0, 5. Be Pop Ferm 14.0, 6 Bonjovi Mmg 14.0, 7. Bondjamesbond Gar 14.5, 8. Barsela Burlon 14.7, Bombus Jet rp, Bolero Grif rp, Bahia Pax rp, Bloody Mary rp, Balio Trgf Risaia rp. Non ha corso Bristol Cr. Tot. 1,69 1,21 1,29 1,35 (7,86) Tris 13-2-7, 163.99 € per 1.595 vincitori, quota con rit. (n. 1) 7.44 €; Quarté 13-2-7-3, 59,63 € per 434 vincitori, q.r. 55.,57 €; Quinté 13-2-7-3-9, 307,63 € per 35 vincitori.

Così in finale (11 ottobre): numeri 1-6 Blackflash Bar, Barbaresco Grif (vincitori gruppi 1), Boltigeur Erre, Bubble Effe, Bepi Bi (vincitori batterie), Babirussa Jet (miglior classifica tra i ripescati); numeri 7-14 Baresi Effe, Bigbusiness Arc, Belzebù Jet, Bengurion Jet, Bleff Dipa (piazzati secondi o terzi batterie), Bonjovi Mmg, Bolero Gar, Barolo Roc (ripescati per classifica). Estrazione numeri: 1 ottobre.

C'è solo un dubbio sul nome del sesto ammesso in prima fila coi numeri da 1 a 6, grazie alla poca chiarezza del "disciplinare Derby”: recita che devono esserci comunque almeno sei cavalli a sorteggiarli, non specifica però se ai due vincitori dei gruppi 1 (Blackflash Bar e Barbaresco Grif) e ai vincitori delle tre batterie (Boltigeur Erre, Bubble Effe e Bepi Bi) debba aggiungersi il migliore in assoluto per classifica tra i gli altri nove, ovvero i sei piazzati delle batterie e i tre ripescati (e quindi Babirussa Jet), o invece il migliore per classifica tra i soli ripescati (ovvero Bonjovi Mmg).

Tutte le notizie di Ippica

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti