Ippodromi riaperti al pubblico

Spettatori ammessi da sabato, al 25% della capienza e comunque per un massimo di 1.000 spettatori, esclusivamente negli impianti nelle "zone gialle”. Prevista anche l'accettazione delle scommesse
Ippodromi riaperti al pubblico© IPP. MEDITERRANEO

Con una circolare ministeriale firmata oggi dal d.g. Oreste Gerini, il Mipaaf ha dato il via libera alla riapertura degli ippodromi al pubblico che si trovino in “zona gialla” a partire da sabato 15, con il 25% di spettatori previsti dalla capienza massima, e comunque in numero non superiore a 1.000.

Qui di seguito il testo integrale della circolare, trasmessa agli ippodromi ma al momento non pubblicata sul sito del Mipaaf (con la circolare è stato anche inoltrato un allegato con le linee guida per la riapertura, nel quale al punto 4.2 si danno indicazioni per l’utilizzo dei punti di accettazione scommesse):

«Con la Circolare n. 26507 del 22 maggio 2020, il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, in accordo con la Direzione Generale della sanità animale e farmaci veterinari del Ministero della Salute, comunicava la ripresa delle attività di organizzazione delle corse ippiche a far data dal successivo 25 maggio.

Da quella data le società di corse hanno potuto riorganizzare e svolgere le corse ippiche con l'adozione di protocolli operativi basati sulle specifiche linee guida che erano state definite dal Ministero previo recepimento delle osservazioni avanzate dal Comitato Tecnico Scientifico operativo presso la Protezione Civile, nel rispetto del DPCM 17 maggio 2020 recante disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19.

L’articolo 5 del recente decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52, recante misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell'epidemia da COVID-19, detta le disposizioni per consentire la riapertura al pubblico degli spettacoli sia al chiuso che all’aperto.

La presenza di un protocollo operativo già adottato e coerente con le vigenti disposizioni atte al contenimento della diffusione dell'epidemia e il carattere tipicamente aperto degli spettacoli delle corse ippiche consentono di disporre la riapertura al pubblico degli impianti finalizzati ad organizzare le corse ippiche dal 15 maggio 2021 alle seguenti condizioni:

a) adeguamento del protocollo operativo da parte delle società di corse alle aggiornate Linee guida, poste in allegato;

b) gli impianti siano gestiti dalle società di corse riconosciute dal Ministero, e localizzati nelle aree, Comuni o Regioni classificate come zona gialla;

c) corse ippiche inserite nel calendario delle corse assegnate dal Ministero;

d) il numero di spettatori non può essere superiore al 25% della capienza massima dell’impianto, e il numero massimo non può essere superiore a mille;

e) i posti a sedere devono essere pre-assegnati assicurando il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, sia per il personale.

È altresì confermata la possibilità di procedere all’allenamento, alla cura e alla gestione dei cavalli sportivi e ippici all'interno di impianti e strutture utilizzati a porte aperte, purché vengano adottate le misure di salvaguardia e di contenimento del contagio da COVID-19».

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti