Mondiali. Cerruti quarta dopo il preliminare del tecnico. Sabato la finale

Ottimo esordio dell'azzurra che va a caccia di una storica medaglia di bronzo per il sincro italiano
Mondiali. Cerruti quarta dopo il preliminare del tecnico. Sabato la finale
3 min
TagsMondialiSincroBudapest

Linda Cerruti risponde presente, chiude quarta le eliminatorie del tecnico e in finale va a caccia di una medaglia di bronzo che avrebbe il sapore dell'impresa

EMOZIONI E CUORE

Il suo tech dura 2’10”01. Il cuore batte forte e l’emozione gioca qualche scherzo. Linda Cerruti è quarta dopo il preliminare con 88.6075 punti guadagnati con la somma dei 27.3000 per l’esecuzione, 26.9000 per l’impressione artistica e 34.4075 per gli elementi. Ma il terzo posto occupato dalla greca Evangelia Platanioti con 88.6163 non è poi così lontano. La finale c’è già sabato pomeriggio alle 16 a chiusura del programma della seconda giornata.
L’attesa in camera di chiamata, qualche rotazione delle spalle, un po’ di stretching, tanto per scaricare la tensione. L’abbraccio e l’incoraggiamento dei coach prima di salire i gradini che conducono al blue carpet. Sai che il mondo ti guarda ma pensi principalmente a convincere quelle tre giurie e ripetere al meglio quello che hai provato e riprovato per giorni, settimane, mesi. Interpreti te stessa e più sei brava e più riesci a trasmettere emozioni. Linda convince, “ruba l’occhio”, con le sue movenze gentili, la sua flessibilità e sensualità, la tecnica maturata negli anni. Ne sono già trascorsi dodici, da quando sedicenne faceva il suo esordio con la Nazionale maggiore proprio qui a Budapest, in occasione dei campionati Europei 2010 cui sono seguite 16 medaglie continentali.
Il suo tech, sulle note di Gift of the Gods, di Two Steps from Hell & Nick Phoenix con la coreografia di Vlada Chigireva, è un omaggio alla gratitudine e alla più grande preghiera, universale, che si traduce nella parola grazie. E’ la tredicesima ad esibirsi, le lancette dell’orologio segnano le 10.05, ma deve attendere la ventiseiesima, la ceca Karolina Kluskova, per conoscere la classifica definitiva.

LE SENSAZIONI DI LINDA

“All’inizio il cuore batteva velocissimo – spiega la 28enne genovese tesserata per Marina Militare e Rari Nantes Savona – Poi mi sono sciolta. Il tecnico per me è sempre un po’ difficile, soprattutto con l’ultimo elemento obbligato. Non sono riuscita a farlo bene anche a causa della tensione e in finale proverò a eseguirlo meglio. Per essere la prima performance del mondale e non nuotandolo praticamente da tre anni sono abbastanza soddisfatta. Sentivo molto la pressione”.

DAVANTI GIAPPONE ED UCRAINA

La campionessa europea Marta Fiedina, settima in ordine di apparizione, alle 9.35 è già davanti con 90.9382 punti. Poi scenderà al secondo posto dietro alla giapponese Yukiko Inui, bronzo iridato in carica, con 91.9189 e terza è la greca Evangelia Platanioti, vice campionessa europea, con 88.6163.
L’ucraina riceve 27.7000, 28.0000 e 35.2382 Il suo esercizio dura poco meno di 2’10”. “Mi piace molto come si muove e come lo interpreta – dice l’azzurra, vice campionessa mondiale nell' highlights e mai oltre il sesto posto nel tecnico del solo in sei edizioni iridate – e per lei mi aspettavo un punteggio un pochino più alto”.


Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti