Slam by Mini: Vincono Sussarello-Vinci e Cassetta-Salandro

Si è conclusa la quinta tappa del circuito Slam by Mini a Bari
Slam by Mini: Vincono Sussarello-Vinci e Cassetta-Salandro© foto Sposito
Tagspadel

Sui campi della K Sport Academy di Triggiano (Bari) si è concluso, come riporta il sito della Federtennis, il penultimo atto del tour che vede protagonisti i migliori specialisti e specialiste del panorama nazionale, dopo i tornei disputati precedentemente al Villa Pamphili Padel Club Roma in luglio, a inizio agosto al Costa dei Trabocchi Sporting Club, in Abruzzo, a metà settembre alla Pro Parma Academy e all’inizio di ottobre all’Olimpic Padel Club, sempre nella Capitale.

Cassetta e Salandro , pronostici rispettati

Pronostici rispettati nel tabellone maschile: Marco Cassetta e Mauro Augustin Salandro, primi favoriti del seeding, hanno raggiunto la finale battendo nei quarti Gianluca Angilella e Juan Manuel Vazquez (61 62) e in semifinale Nicolas Brusa e Joel Nazareno Ventura (63 62). Marcelo Capitani e Simone Cremona, campioni italiani in carica e secondi favoriti del seeding, sono arrivati all’ultimo atto del torneo grazie alle vittorie su Joaquin Bolognese e Martin Emiliano Borart nei quarti (76 63) e su Lorenzo Di Giovanni e Riccardo Sinicropi in semifinale (76 62).
Cassetta e Salandro si sono aggiudicati il primo set per 6-3 ma hanno subito la risposta di Capitani e Cremona nel secondo parziale (6-4). Nella partita finale la coppia favorita ha chiuso i giochi con il definitivo 6-1.

Vinci e Sussarello non si fermano più

Roberta Vinci e Giulia Sussarello hanno portato a casa il titolo femminile: l’ex n.7 WTA originaria di Taranto ha festeggiato il successo in casa, davanti agli occhi soddisfatti di papà Angelo e mamma Luisa.
Dopo aver sconfitto il duo Zanchetta-Parmigiani nei quarti (62 62) e la coppia formata da Valentina Tommasi e Emily Stellato in semifinale (6-1 6-3), Vinci e Sussarello hanno battuto in finale Chiara Pappacena e Giorgia Marchetti con un doppio 6-4.

Le interviste 

Vincere è sempre bello, ma in casa ha un sapore diverso – ha dichiarato Roberta Vinci nel post partita -. Sono felice di aver ritrovato la mia famiglia, ho apprezzato molto anche il calore del pubblico. Passare dal tennis al padel non è stato facile, cambiano tanti elementi tecnici e tattici. Fortunatamente posso contare su una grande compagna, che riesce a guidarmi in tutte le fasi della partita”.
Il padel sta vivendo un momento d’oro, ma questo è solo l’inizio – ha dichiarato Gianni Milan, Vicepresidente FIT con delega al settore padel -. Il livello italiano si sta alzando e si sta avvicinando sempre di più a quello spagnolo e argentino. Il compito della Federazione è quello di introdurre nuove risorse per far crescere ulteriormente i nostri giocatori e creare una scuola giovanile”.
La Federazione Internazionale Padel e la FIT continuano a collaborare fianco a fianco – ha concluso Luigi Carraro, presidente FIP -. Il quarto posto raggiunto dalla nazionale italiana ai campionati mondiali juniores terminati in Messico lo dimostra: abbiamo scritto una bellissima pagina di questo sport. Abbiamo tanti appuntamenti in programma, concluderemo l’anno in bellezza e ci prepareremo per una nuova e avvincente stagione”.

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti