L'Alto Vicentino incontra il padel

Al Padelspot di Schio aperti tre campi indoor e in cantiere c'è l'idea di un centro anche a Thiene. La città è già European City of Sport 2023
L'Alto Vicentino incontra il padel
TagspadelAlto VicentinoPadelspot di Schio

Anche l'Alto Vicentino ha la sua struttura dedicata al padel. Il Padelspot Schio ha, infatti, aperto tre campi indoor che permetteranno ai cittadini di poter avere un'altra opportunità per praticare sport: "L'idea è nata dal fatto che viaggio molto in Europa e in Spagna ho visto che questo sport va per la maggiore – ci racconta Marco Cunico, ex calciatore, attuale international scout per lo Spezia e uno dei gestori del Circolo – fin da quando ho iniziato a giocare, ho ritenuto il padel uno sport immediato e divertente. Siccome considero italiani e spagnoli dei popoli simili, insieme agli amici abbiamo deciso di aprire questa struttura".

Il futuro

Marco ha già?le idee chiare sul futuro: "Vogliamo rendere la nostra struttura coinvolgente, dove i tesserati si sentano parte di un club e il nostro obiettivo sarà?di farli divertire il più possibile, soprattutto in questo periodo. Abbiamo già?in mente di aprire un centro anche a Thiene. Qui c'è un bacino importante di persone che andava valorizzato". La città?di Schio vive di sport, come dimostra il recente titolo ottenuto di European City of Sport 2023: "Il primo input me l'ha dato il Presidente ACES Europe Lupattelli quando la Commissione è venuta qui – le parole dell'Assessore allo Sport Aldo Munarini – dicendomi che mancava il padel come offerta sportiva. Questa prima struttura nasce da una richiesta arrivata da privati ma ne abbiamo diverse altre che stiamo vagliando. Anche il Tennis Club, che ha una concessione comunale, ha visto in prospettiva la possibilità?di inserire il padel". Il padel diventerà un'ulteriore possibilità?di praticare sport a Schio, che già offre un ampio ventaglio di proposte: "Stiamo cercando di lavorare in ambito PNRR per riqualificare i nostri impianti esistenti – aggiunge l'Assessore Munarini –. Lavoriamo su diversi fronti, perché intendiamo dotare la città di strutture al servizio dello sport e a disposizione delle scuole. Vogliamo essere una Città Europea dello Sport che vuole garantire nel 2023 un anno europeo all'altezza, implementando sia la pratica sportiva che la cultura sportiva. Non ho ancora giocato a padel, lo considero uno sport immediato per la dinamica di apprendimento, speriamo di implementare presto le strutture in modo da dare il buon esempio e scendere anche io in campo!".

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti