UFC, McGregor arrestato per furto e danneggiamento
© AP
Pugilato
0

UFC, McGregor arrestato per furto e danneggiamento

Il campione irlandese, uscito su cauzione, a Miami se l'è presa con il telefono di un fan

ROMA - Conor McGregor continua a far parlare di sé anche fuori dall’ottagono. Il combattente nordirlandese dell’UFC - di cui è stato campione dei pesi leggeri e pesi piuma - è stato arrestato con l’accusa di furto e danneggiamento. Il trentenne, fuori dal suo albergo a Miami, in Florida, sarebbe stato infastidito da un fan che avrebbe cercato di scattargli una fotografia con il suo smartphone. Secondo l’accusa McGregor gli avrebbe strappato il telefono di mano, lo avrebbe gettato a terra per poi calpestarlo ripetutamente per poi essere arrestato successivamente dalle autorità locali. L’irlandese è stato infine rilasciato su cauzione dopo aver pagato 12.500 dollari. Uno dei suoi avvocati ha poi fatto sapere che il campione di arti marziali miste collaborerà con la polizia nel prosieguo delle indagini. 

I PRECEDENTI - McGregor, dal 29 gennaio scorso, sta scontando una sospensione di sei mesi in seguito alla rissa avvenuta al termine del match valevole per il titolo mondiale dei pesi leggeri UFC vinto dal daghestano Khabib Nurmagomedov. Considerando la retroattività della pena, l’irlandese potrebbe tornare a combattere già dal prossimo aprile. 

Vedi tutte le news di Pugilato

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti