Corriere dello Sport

Rugby

Vedi Tutte
Rugby

Rugby, finisce in Tv la favola di Robertino

Sabato su DMax il reportage sul rugbista di Viterbo affetto dalla Sindrome dell'X fragile

 

giovedì 26 febbraio 2015 22:03

Robertino Ricci ormai è un personaggio. Ha 27 anni, gioca a rugby nella Union Viterbo (serie B) e sa anche piazzare. Che c’è di strano, direte voi? C’è che Robertino è affetto da un grave ritardo mentale dovuto a una malattia genetica conosciuta come Sindrome dell’X fragile. Ma anche nel suo caso, come in tanti altri di varia disabilità, il rugby si è rivelato una cura straordinaria. Attraverso l’attività fisica e la socializzazione. “Me lo ricordo bambino. Prese il pallone e scappò negli spogliatoi, non voleva più uscire. I genitori erano spaventati. “Ci pensiamo noi”, li abbiamo rassicurati. E qualche mese dopo ha cominciato a passarlo, il pallone. A interagire col gruppo, a fare squadra. Come gli altri” ha raccontato qualche tempo fa a “La Repubblica” Antonio Luisi, vicepresidente federale, che è stato anche il primo allenatore di Robertino. Oggi il ragazzo gioca regolarmente con la prima squadra del Viterbo. Entra nei minuti finali di ogni partita, all’ala, e di recente ha anche piazzato una trasformazione contro il Livorno.
La scorsa settimana le telecamere di DMax lo hanno seguito dalla preparazione a casa fino al campo da gioco per l’amichevole contro l’Unione Orvietana, e poi al terzo tempo, dove in compagnia di squadra e appassionati, ha gustato i piatti cucinati da Chef Rubio. Il reportage verrà trasmesso sabato durante la trasmissione Rugby Social Club (ore 14.50), nel prepartita di Scozia-Italia del Sei Nazioni. Un’altra vittoria di Robertino.

Per Approfondire