Corriere dello Sport

Rugby

Vedi Tutte
Rugby

Rugby, festa Fiamme Oro: la prima volta ai play-off

© FOTOROMASPORT

Il XV della Polizia ha concluso l'Eccellenza al 4° posto: non accadeva da 42 anni! E ora il Rovigo

 Francesco Volpe

sabato 9 maggio 2015 22:10

Un’attesa lunga 42 anni. Tanto era passato dall’ultima volta in cui le Fiamme Oro si erano piazzate tra le prime quattro squadre italiane. Era la stagione 1972-73. La meta valeva quattro punti e il XV della Polizia faceva ancora base a Padova, dov’era nato. Non c’erano i play-off, mentre oggi il piazzamento ottenuto alla fine della regular-season, vincendo a sorpresa a Mogliano (38-21), vale ai cremisi un posto tra i club che si giocheranno lo scudetto.

STORIA - Un lungo cammino quello delle Fiamme. Cinque titoli tra il 1958 e il 1968, forti della possibilità di ingaggiare e retribuire i migliori giocatori italiani in un rugby veramente amatoriale. Poi lo scioglimento nel 1978, nel momento più buio dell’attacco del terrorismo, rosso e nero, allo Stato. Quindi la rinascita nel 1985. Dapprima a Milano, poi a Roma. La lenta scalata dalla serie C all’A1, la nuova caduta, il ritorno nell’elite tre anni orsono. Oggi le Fiamme dispongono di un centro sportivo all’avanguardia presso la caserma Gelsomini di Ponte Galeria, periferia occidentale della Capitale. Vantano un ottimo settore giovanile e un campo in sintetico all’avanguardia. Hanno persino aperto agli stranieri, il sudafricano Martin Thomsen e il neozelandese Shayne Anderson, ovviamente tesserati come esterni, per non lasciare a di intentato nella rincorsa al vertice. E da luglio forniranno il primo giocatore alle Zebre, in Celtic League. Segno che la “rosa” sta crescendo in qualità, non solo nei risultati.

ARTEFICI - “Cosa posso dire se non che sono felice! – il primo commento di Armando Forgione, appassionato responsabile della sezione rugby delle Fiamme – Abbiamo riportato dopo più di quarant’anni questa squadra al posto che le compete. Un risultato storico, che è merito di tutti quelli che si dedicano anima e corpo a questo progetto e che ci hanno sempre creduto. Ora tutto quel che verrà sarà guadagnato, ma comunque consentitemi di sognare”.
Al timone della squadra un veterano come Pasquale Presutti, 65 anni, aquilano di Trasacco, ex pilone azzurro del Petrarca e delle stesse Fiamme Oro. “I miei ragazzi sono stati semplicemente fantastici, ci hanno creduto fino alla fine e il risultato è arrivato. Ho sempre sostenuto che questa squadra meritava di finire tra le prime quattro e così è stato. Ora possiamo affrontare serenamente i play-off perché abbiamo raggiunto il nostro obiettivo. Ma chissà, si dice sempre che l’appetito vien mangiando e noi di fame ne abbiamo veramente tanta”.

SEMIFINALI - L’appuntamento è per sabato 16 maggio a Ponte Galeria (ore 18.05). Avversario nell’andata delle semifinali il favoritissimo Rovigo. Cui le Fiamme quindici mesi fa hanno già soffiato il Trofeo Eccellenza. Nulla è impossibile.

ECCELLENZA (18ª giornata) Oggi: Lazio-San Donà 20-33, Viadana-Calvisano 25-25, L’Aquila-Petrarca Padova 14-28, Rovigo-Prato 50-0, Mogliano-Fiamme Oro Roma 21-38.
Classifica: Rovigo 76; Calvisano 72; Mogliano 60; Fiamme Oro 52; San Donà 50; Viadana 46; Petrarca 42; Lazio 32; L’Aquila 10; Prato (-4) -3.
NB: Le prime quattro ai play-off. Prato retrocesso in A2.
Così le semifinali: Fiamme Oro-Rovigo (16 e 23 maggio; ore 18.05) e Mogliano-Calvisano (17-24 maggio; ore 18.05).

Per Approfondire