Corriere dello Sport

Rugby

Vedi Tutte
Rugby

Rugby, Italia ai Mondiali con due giovani in regia

Rugby, Italia ai Mondiali con due giovani in regia

Haimona non recupera, al c.t. Brunel restano Allan (22 anni) e l'esordiente Canna (23)

 Francesco Volpe

martedì 14 luglio 2015 17:52

Che la Coppa del Mondo dell’Italia non sia nata sotto una buona stella lo si era capito già da un po'. L'epilogo del Sei Nazioni aveva devastato il morale dell'ambiente e gli infortuni a Simone Favaro e a George Biagi avevano privato la Nazionale di due pezzi pregiati. Titolare pressoché insostituibile il primo, combattente e gregario di razza il secondo. Poi ci si è messo lo scontro azzurri-FIR su premi e dintorni ad avvelenare il clima. E oggi l’ultima tegola. Kelly Haimona è stato rimandato a casa dal raduno di L’Aquila perché “gli esami esami strumentali di controllo al braccio destro, fratturato in occasione dell’ultima giornata del Sei Nazioni contro il Galles e successivamente sottoposto ad intervento chirurgico con mezzi di sintesi, hanno evidenziato un ritardo nel processo di consolidamento della frattura che impedirà all’atleta ogni forma di allenamento con contatto per i prossimi trenta giorni” si legge nella nota federale.

NOVITA' - Nel ruolo di Biagi e Favaro, fortunatamente, c’è una discreta abbondanza di ricambi; in quello dell’apertura maori, dopo gli addii agli “stagionati” Burton, Di Bernardo e Orquera, stiamo raschiando il fondo del barile, o quasi. Ecco spiegata la convocazione, pochi giorni fa, di Carlo Canna, regista delle Fiamme Oro fresco di ingaggio da parte delle Zebre. Canna è un’apertura interessante, che ha fatto bene in Eccellenza e, a giugno, con la Emergenti azzurra alla Tbilisi Cup. Calcia bene e preciso, sa droppare, attacca la linea e difende: l’identikit di un numero 10 completo. Ma non è mai stato testato al livello internazionale, quello vero. Il 25 agosto compirà 23 anni e sin d’ora è la riserva di Tommaso Allan, che di anni ne ha 22. Il c.t. Jacques Brunel dovrà gettarlo nella mischia nei test di preparazione alla Coppa e capire se può essere un’alternativa credibile.

BRUNEL - “Dal giorno del proprio esordio in Nazionale, lo scorso novembre, Kelly è stato tra i punti fermi della nostra Nazionale – ha commentato oggi Brunel – e non è stato facile scegliere di rinunciare alle sue doti per i prossimi mesi. Ma stiamo preparando un Mondiale e dobbiamo farlo con chi, oggi, può garantirci il massimo della condizione. Come Biagi e Favaro, Kelly potrà rientrare nel gruppo nel corso della Coppa del Mondo se ve ne saranno le condizioni e la necessità”.

Per Approfondire

Commenti