Parisse: "Coronavirus? Temo che mi priverà dell'ultima partita con l'Italia"

Così il rugbista azzurro in forza al Tolone: "In Francia c'è stata una reazione troppo tardiva. Qui non si è ancora arrivati al picco, ma leggiamo già dei numeri spaventosi"
Parisse: "Coronavirus? Temo che mi priverà dell'ultima partita con l'Italia"© AFPS
TagsCoronavirusParisseItalia

TOLONE (Francia) - "I francesi hanno reagito tardi. Hanno visto quello che accadeva da noi, ma lo hanno considerato un pericolo lontano. E così, oggi, stiamo vedendo numeri spaventosi di contagi e decessi anche qui in Francia. E il picco deve ancora arrivare". Così il rugbista azzurro Sergio Parisse, ora in forza al Tolone, ha parlato del difficile momento che il rugby sta vivendo e della situazione Coronavirus in Italia e in Francia, dove vive da 15 anni, ai microfoni di Radio 1 Rai. Sulle polemiche in seguito al discusso video trasmesso da Canal Plus sulla Pizza al Coronavirus, Parisse dice: "Fra Italia Francia c'è una rivalità perenne: a partire dal mondiale di calcio 2006, che abbiamo vinto noi in finale, fino alle questioni politiche. I francesi sono fatti così, hanno un umorismo completamente diverso dal nostro. Credo che le battute sulla Pizza al Coronavirus siano state assolutamente fuoriluogo e credo che loro non abbiano fatto una bella figura, non solo nei nostri confronti ma del mondo in generale".

Parisse: "L'Italia ha fatto bene ad annullare il campionato"

"Non so se ci sarà l'opportunità di un'ultima partita in Nazionale, ma intanto sono contento di giocare ancora a Tolone (dopo 14 anni con lo Stade Français n.d.r), di aver contribuito alla sua risalita al quarto posto in campionato e alla qualificazione ai quarti di Challenge Cup e di essere quindi tornati in corsa per gli obiettivi stagionali". Sull'annullamento del campionato, già deciso in Italia, mentre è stato solo sospeso in Francia, dove il rugby vale oltre 70 milioni di diritti Tv, Parisse si esprime cosi: "In Italia la nostra Federazione ha deciso di interrompere i campionati ed è una decisione saggia e non facile da prendere, anche se gli interessi economici sono inferiori rispetto a quelli dei campionati francesi e inglesi. Oggi la priorità è difendere la salute e ritrovare le condizioni per ritornare in campo quando tutti, giocatori e tifosi, saranno in sicurezza perché questo virus non è uno scherzo".

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti